Una scrambler sulla base di una custom? Si può fare ed è la nuova Faster Son del marchio di Iwata

Yamaha amplia a Intermot 2016 la sua gamma Sport Heritage introducendo una moto già presentata in USA e finalmente pronta a debuttare anche nel vecchio continente: la SCR950. Anche questo modello è stato inserito nella famiglia "Faster Sons", perchè rappresenta un concetto moderno declinato in una variante dallo spiccato sapore vintage, in questo caso viene trasformata la custom XV950 in una scramblerina dallo stile accattivante. 


Più stradale, ma non proprio scrambler


Le caratteristiche principali della XV rimangono invariate, quindi l'impostazione custom viene solo apparentemente tradita da una nuova impostazione di guida data da una sella alta e piatta (grazie all'adozione di un nuovo telaietto posteriore), nuove pedane posizionate più indietro e un manubrio più alto e avanzato.
L'altezza complessiva del mezzo non cambia, rimane una moto lunga e bassa e c'è poca luce a terra, questo favorisce il baricentro basso e la maneggevolezza, ma non di certo l'utilizzo in fuoristrada nonostante le gomme semitassellate e i cerchi a raggi tubeless. A completare il pacchetto ci sono le sovrastrutture, con un nuovo parafango posteriore più alto, fianchetti con tabella portanumero e un nuovo serbatoio che ricorda la mitica XT 500. Le grafiche sono ispirate alle enduro anni '70 e '80.


Motore robusto e pieno di coppia


Il motore è sempre quello a V di 60° della custom jap, verniciato completamente di nero e con tanta coppia soprattutto nella parte iniziale della curva di erogazione. Con pistoni forgiati e la testa a 4 valvole con camera di combustione pentagonale, il compatto motore arriva ad una coppia di 79,5 Nm (8.1 kg-m) a 3.000 giri/min, l'ideale per la guida rilassata anche dove c'è terra battuta.
La SCR arriverà sul mercato italiano a febbraio 2017 nelle colorazioni Racing Red e Yamaha Black a partire da febbraio 2017. Il prezzo lo scopriremo presto. 

Fotogallery: Yamaha SCR950 2017