Un'elaborazione grafica prova a sperimentare, dando un look da vintage racer alla moto più esplosiva dell'anno

La Kawasaki Ninja H2, versione di serie della H2R già apprezzata all'Intermot 2014, debutterà fra circa una settimana all'Eicma di Milano e c'è parecchia attesa attorno alle linee definitive di questa superbike estrema. A grandi linee possiamo immaginare come sarà ma c'è chi ha voluto realizzare elaborazioni grafiche andando ben oltre e realizzando una cafe racer!


Certo, l'idea di una moto vintage da oltre 200 CV e con motore 4 cilindri sovralimentato non sembra avere molto senso, ma la passione è fatta anche di scelte irrazionali e puramene stilistiche. Così Gannet Design ha deciso di togliere tutte le sovrastrutture e realizzarne (virtualmente) ad hoc per una naked sportiva che evoca le moto più prestazionali degli anni '60. 


Troppo esagerata ma affascinante


Un faro anteriore di forma circolare è affiancato da due faretti "satelliti" in una composizione asimmetrica. Questo non è di certo vintage, ma più post-apocalittico. Il serbatoio è di piccole dimensioni e poggia sul telaio a traliccio (che aiuta molto nell'interpretazione retrò) seguendo poi una curva decisamente alta, che ricorda vagamente il Ducati Monster.


Il codino è cortissimo, così come gli scarichi che si posizionano proprio al di sotto. Interessante la scelta della presa d'aria in carbonio per il compressore centrifugo e la fasciatura dei collettori di scarico. Il risultato è convincente? lo lasciamo decidere a voi, rimane comunque un ottimo spunto per chi in futuro vorrà cimentarsi nella realizzazione della cafè racer più estrema mai esistita!

Fotogallery: Kawasaki Ninja H2R (2)