Gianclaudio Aiossa ha compiuto una piccola impresa, percorrendo oltre 12.000 km con una media di 938 km al giorno

Una missione quasi impossibile anche per i mototuristi più incalliti, eppure Gianclaudio Aiossa è riuscito a percorrere una media di 938 chilometri al giorno per due settimane consecutive collegando la Brianza a Vladivostok per un totale di 12.188 km. Certo, qualche dettaglio di paesaggi e città se lo sarà perso, ma rimane un'impresa davvero epica.


Gianclaudio è salito in sella alla Yamaha MT-09 Street Rally il 15 luglio, presso la sede di Yamaha Motor Italia, e ha affrontato le strade di 7 paesi: Italia, Austria, Rep.Ceca, Polonia, Lituania, Lettonia e Russia, con 13 soste nelle città di Cracovia, Ludza, Mosca, Cheboksary, Ufa, Ishim, Novosibirsk, Kansk, Irkutsk, Chita, Skovorodino, Khabarovsk e Vladivostok. Difficile trovare un'altra persona capace di attraversare la Transiberiana in così poco tempo. 


Il viaggio è stato più volte messo a repentaglio dalle condizione atmosferiche, ma per fortuna non c'è stato alcun problema capace di interrompere la sua corsa verso il Mar del Giappone. Aiossa sente di aver completato la più dura sfida della sua vita: "Sono davvero emozionato per aver concluso questa grande impresa, esserci arrivato rispettando i tempi e soprattutto senza particolari intoppi mi sembra un sogno."


"La moto si è comportata più che bene e mi ha reso tranquillo durante il lungo viaggio, durante il quale ho potuto incontrare, anche se per pochi istanti, luoghi, persone e paesaggi che mi rimarranno per sempre nel cuore”. Lungo il tragitto ha incontrato anche un altro italiano, Francesco Ristori, che ha percorso un tratto assieme a Gianluca con meta ultima la capitale del Giappone, Tokyo. Quale sarà la prossima sfida?

Fotogallery: Yamaha MT-09 Street Rally 2014