Rosso acceso e le gambe ancora nello "storico giallo"

Et voilà! svelata finalmente la livrea della tuta con cui Valentino Rossi correrà in MotoGP il prossimo anno con la Ducati. Tutto quelli che si aspettavano di vedere una tuta rossa, ma soprattutto chi si aspettava di veder campeggiare una maxi stella a tre punte Mercedes, si è sbagliato di grosso.
Sono state appena rilasciate le prime immagini di Rossi in tuta Ducati, e approfittiamo subito per commentarle un po’ insieme ai nostri lettori.

ROSSO ADDIO

Iniziamo subito dalle dolenti note… il Rosso Ducati è sempre meno presente sulle tute dei piloti MotoGP… ok che lo sponsor tabaccaio vuole un rosso diverso, però qui ormai il rosso è rimasto solo sotto le ascelle del pilota!
Deve essere stato davvero complicato per i disegnatori della Dainese, soddisfare esigenze tanto diverse e mettere in comune i desideri di Casa costruttrice, Sponsor e Pilota. Il risultato, in effetti, è un po’ forte a livello estetico, con le gambe gialle fluo della tuta vecchia che cozzano con il rosso arancio della parte superiore. Mantenute anche le fasce gialle fluo della vecchia tuta Yamaha nella parte posteriore delle braccia e verso le spalle.
Viene spontaneo fare un confronto con la tuta 2011 di Nicky Hayden decisamente più equilibrata a livello estetico. Ricordiamo inoltre che anche Nicky è approdato quest'anno in Dainese, lasciando il suo sponsor storico, l'Alpinestars.
Insomma… forse Valentino, che ormai non ha più 18 anni, avrebbe potuto anche rinunciare a Sole e Luna in favore di stilemi che gli conferiscano un’immagine un po’ più adulta…

GLI SPONSOR

Diamo una veloce guardata agli sponsor inseriti sulla tuta. I Main sponsor del 2011 sembrano proprio essere l’immancabile Tim che sarà ben lieta di aver strappato il testimonial alla rivale Fastweb e Generali che ha riconfermato la presenza in Ducati. Tra le altre new entry vediamo la Diesel, come dichiarato già ieri. A ben guardare, il fortunatissimo brand italiano era già stato sponsor della Ducati nel 1990 sulle Superbike di Rayomond Roche e Giancarlo Falappa, quindi è più un ritorno che una novità.
La presenza della AMG era già stata annunciata tempo addietro, ma ci si aspettava forse qualcosa di più evidente, visto che la patch sul petto è proprio piccina (e vicina al famoso WLF che Valentino potrebbe anche abbandonare…), mentre quella sulla schiena è decisamente più visibile.
Da ultima citiamo la Monster Energy bevanda energetica comparsa sul berrettino di Valentino.

Fotogallery: Valentino Rossi, tuta e divisa 2011 - MotoGp - Ducati