Stessa enduro tuttofare di sempre, ora in blu o nero

Passaggio di consegne in casa Yamaha tra il 'sunset red' dell'offerta 2009 e il 'racing blue' programmato per il 2010 relativamente alla enduro tuttofare XT660R.

Con il suo instancabile monocilindrico da 660 cc con distribuzione monoalbero a 4 valvole, raffreddamento a liquido e alimentazione a iniezione elettronica, la bella moto da fuoristrada della Casa di Iwata affronterà una nuova stagione commerciale invariata anche sotto l'aspetto ciclistico, con forcella telescopica, monoammortizzatore e cerchi a raggi del diametro di 21" all'anteriore e 17" al posteriore.

E' la stessa base tecnica della sorella motard XT660X, anch'essa dotata di telaio in acciaio e freni a disco, ma che sulla XT660R sono da 298 mm davanti e sempre da 245 mm dietro. Le due monocilindriche Yamaha vantano la stessa potenza massima, pari a 48 CV a 6.000 giri con una coppia massima di 60 Nm a 5.250 giri.

A cambiare è ovviamente l'indole delle due moto. Se la motard è pensata per un uso prettamente stradale e urbano, la XT660R ha invece orizzonti più ampi, anche in virtù dell'eredità lasciatale dalle progenitrici della serie XT, dalla prima mitica 500 alle successive 550 e 600 protagoniste negli anni Ottanta e Novanta di tante belle pagine di enduro, anche professionale.

La XT660R è offerta anche nella colorazione 'yamaha black' e il prezzo è stato fissato da Yamaha Italia per il 2010 in 6.390 Euro f.c. .

Fotogallery: Yamaha XT660R 2010