Novità

pubblicato il 27 luglio 2012

BMW HP4

Arriva la versione High Performance della S 1000 RR

BMW HP4
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW HP4 - anteprima 1
  • BMW HP4 - anteprima 2
  • BMW HP4 - anteprima 3
  • BMW HP4 - anteprima 4
  • BMW HP4 - anteprima 5
  • BMW HP4 - anteprima 6

HP per BMW Motorrad è il sinonimo di High Performance. E in effetti tutte le moto dell'Elica che recano la scritta HP sulla carena, sono e sono sempre state di un altissimo livello. HP2 Enduro, HP2 Megamoto e HP2 Sport. Chi ha avuto la fortuna di provare una di queste tre moto, sa di cosa stiamo parlando, mezzi specialistici senza compromessi. Ma la Casa di Monaco non ha mai nascosto l'intenzione di fare una versione High Performance di un propulsore a quattro cilindri. Le K 1200 e K 1300 R ed K 1200 e S, non potevano certo rispondere a determinati canoni, cosa che invece, secondo gli ingegneri BMW, è proprietà e bagaglio dell'ultima quattro cilindri nata dagli stabilimenti dell'Elica, la superbike S 1000 RR, un mezzo già al top quanto a performance, ma si sa... per l'uomo non è mai abbastanza. Da qui, una versione HP che prende il nome di HP4.

HP4: IL MASSIMO DALLA S 1000 RR
Probabilmente quanto la S 1000 RR fu presentata alla stampa internazionale nell'autunno del 2009, i tecnici tedeschi già ridevano sotto i baffi. Nelle loro teste, mentre vedevano girare le moto in pista, già pensavano a una versione HP di quella che già all'epoca fu descritta dai tester come una delle migliori superbike, anche grazie al Race ABS e al DTC (Dynamic Traction Control). Ma c'è sempre un margine di miglioramento; da qui nasce la HP4, una moto realizzata per la pista, tanto che è priva del codone per il passeggero (disponibile come optional).

HA IL DDC
Abbiamo già parlato del DDC, il Dynamic Damping Control, un sistema di regolazione della ciclistica semiattivo. L'HP4 sarà la prima moto ad avere questa tecnologia, tutto per avere la massima trazione su strada e la massima sicurezza. In modalità "Slick" poi, questo è regolabile.

RACE ABS
Naturalmente l'HP4 è allestita con il Race ABS con impostazioni sviluppate nell'IDM (la SBK tedesca) per massimizzare le prestazioni in frenata. Non mancano poi le pinze radiali Brembo Monoblocco, il top del top, che "pinzano" due dischi flottanti. Quattro le impostazioni dell'ABS: Rain, Sport, Race e Slick. Proprio quest'ultimo setting, riguarda quello sviluppato nell'IDM. Al posteriore poi, troviamo un pneumatico posteriore da 200/55 ZR 17, naturalmente allestito con il relativo aggiornamento del DTC.

BMW LAUNCH CONTROL
La HP4 è la prima BMW di serie ad avere il Launch Control, in modo da poter partire, o meglio scattare da fermi, perdendo il minor tempo possibile. Si attiva in modalità "Slick" e regola e offre la maggior coppia disponibile e "scaricabile" a terra. Questo sistema consente di non impennare e dunque dover chiudere il gas perdendo tempo in accelerazione. Il cambio è assistito elettronicamente, quindi si possono snocciolare le marce una dietro l'altra senza frizione e a gas aperto, tecnologia che consente di non perdere tempo prezioso in pista.

Sono stati poi adottati cerchi forgiati più leggeri a 7 razze, una corona più leggera (questi ultimi due insieme valgono 2,4 Kg in meno) uno scarico completo in titanio catalizzato (un Akrapovic che toglie 4,5 Kg) e una batteria di minor peso. La strumentazione è nuova con il logo HP4 e lo schermo LCD ingloba le configurazioni del DDC (oltre al solito DTC). Il peso della moto è di 199 Kg.

Il propulsore quattro cilindri in linea della HP4 offre una potenza di picco di 142 kW (193 CV) a 13.000 giri/min e il fuorigiri a 14.200 giri/min. La coppia massima è di 112 Nm a 9.750 giri/min, ma dai 6.000 giri/min a 9 750 giri/min c'è più potenza. In modalità "Rain", c'è più coppia tra i 2.500 e gli 8.000 giri/min. In tutte e quattro le modalità della HP4, è disponibile la massima potenza.

CHE LOOK!
Il look della HP4 poi, colpisce al cuore, con un design ricercato e particolari da vera moto racing. Come già detto è monoposto, il cupolino è fumè e lo "storico" logo HP4 è stato posto su entrambe le carene. Gli indicatori di direzione sono a LED e sempre il logo HP4 è inciso a laser sulla piastra di sterzo superiore, con tanto di numero di produzione della moto. La colorazione è tricolore: Racingblue metallic/Light white. Se poi non vi basta, c'è il kit da gara (quello della moto in foto), che include diverse parti in carbonio, pedane, leve freno e frizione pieghevoli, ruote di colore blu e un kit d'adesivi. La vedremo a EICMA 2012.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , 1000 , quadricilindriche , superbike , eicma 2012


Top