Sport

pubblicato il 13 luglio 2012

MotoGP 2012 Mugello, FP1: Lorenzo davanti

Il passo dell'ex Campione sembra superiore a tutti. In miglioramento le Ducati

MotoGP 2012 Mugello, FP1: Lorenzo davanti

Jorge Lorenzo è partito subito a razzo nel weekend del Mugello del Mondiale MotoGp. Nel corso della prima sessione di prove libere, lo spagnolo ha immediatamente trovato un grande feeling con la sua Yamaha M1 ed ha girato con una costanza davvero importante su tempi che al momento gli altri non riescono neppure ad avvicinare.
Proprio sotto alla bandiera a scacchi il maiorchino ha sfoderato un crono di 1'48"131, staccando di oltre mezzo secondo Casey Stoner, che a sua volta ha ottenuto la sua miglior prestazione all'ultimo giro. Paga addirittura sette decimi Dani Pedrosa in terza posizione. Dunque, in questo momento, le Honda sembrano avere qualcosa da recuperare su Lorenzo.

Segnali incoraggianti dalla Ducati, che su questa pista però dispone di una mole importante di dati che sicuramente l'avrà favorita in questo primo turno. Nicky Hayden però ha ottenuto un interessante quarto tempo, pagando otto decimi da Lorenzo. Se il ritardo dalla vetta è importante, va letto però come un segnale incoraggiante quello pagato nei confronti delle Honda, perchè Stoner è solo a tre decimi dall'americano.
Ancora una volta al pronti-via "Kentucky Kid" è stato più rapido di Valentino Rossi, che ha chiuso in settima posizione, anche se a meno di un decimo dal compagno di squadra. Tra le due GP12 ufficiali si sono inserite le due Yamaha del team Tech 3, con Andrea Dovizioso che ha vinto nuovamente il derby interno con Cal Crutchlow.

Il pilota britannico però ha perso diversi minuti a causa di un problema tecnico che lo ha costretto a parcheggiare la sua moto lungo il tracciato. Sorte simile a quella capitata a Ben Spies ed Alvaro Bautista, entrambi protagonisti di cadute senza conseguenze nella parte finale della sessione.
Per quanto riguarda le CRT, ancora una volta brillano le ART-Aprilia di Randy De Puniet ed Aleix Espargaro, che sono gli unici due ad essere riusciti a rimanere al di sotto dei 3" di distacco. Buona però anche la prestazione di Michele Pirro, che con la sua FTR-Honda segue lo spagnolo a poco più di un decimo.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , 1000 , pista , gare , autodromi , piloti


Top