Tecnica

pubblicato il 10 luglio 2012

Videoguida Manutenzione Moto - Tensione e lubrificazione della catena

Prendetevi cura della vostra catena se volete che duri a lungo

La catena di trasmissione è uno dei componenti più importanti della motocicletta, ma spesso i motociclisti si accorgono della sua presenza solo quando si rompe. Le catene odierne sono affidabili e sicure e sono in grado di durare anche 40.000 chilometri, a patto però che venga fatta la corretta manutenzione.
Vi consigliamo di controllare la tensione della catena e di lubrificarla ad intervalli di 1.000 chilometri, o di seguire quanto indicato nel manuale d’uso e manutenzione.

GLI ATTREZZI NECESSARI
Gli attrezzi necessari per lavorare sulla catena sono: chiavi esagonali di varie misure, brugole e l’immancabile dinamometrica per serrare il perno ruota. Per misurare lo scuotimento è sufficiente un metro o un righello. Per sincerarvi di allineare correttamente la ruota posteriore, non dimenticate di utilizzare anche un buon calibro ventesimale o cinquantesimale.

REGOLAZIONE DELLA TENSIONE
La tensione della catena deve rientrare all’interno di un certo range che solitamente è indicato su un adesivo presente sul forcellone. Verificate comunque la tabella di manutenzione, perché alcuni costruttori indicano una misura riferita alla moto sul cavalletto laterale, mentre altri prescrivono di misurare la tensione con la ruota posteriore sollevata.

Se la vostra catena non è nuovissima, è bene girare la ruota e cercare il punto in cui la catena è maggiormente tesa, perché se registrate la catena nel punto di massimo lasco, rischiate di tirarla troppo. Facendo riferimento a quanto indicato dal costruttore, misurate lo scuotimento a metà del forcellone con un calibro o un semplice metro.
Allentate il perno del forcellone e regolate i registri dei pattini catena fino a raggiungere la tensione voluta.
Sinceratevi misurando da ambo i lati che i riferimenti siano perfettamente allineati e serrate il perno ruota alla coppia prescritta dal costruttore.

LUBRIFICAZIONE E SCELTA DEL GRASSO GIUSTO
Prima di lubrificare la catena è opportuno pulirla per rimuovere i depositi più grossolani. In questo caso è possibile usare un detergente non aggressivo per la gomma o un apposito pulitore spray. Dopodichè soffiatela con aria compressa a bassa pressione e asciugatela con un panno pulito.

La scelta del lubrificante catena è importante, perché moto stradali e fuoristrada hanno esigenze diverse. Se una moto deve fare molta strada ad alta velocità, le caratteristiche di adesività e viscosità in temperatura del lubrificante dovranno essere diverse da quelle di una moto da enduro, che sviluppa velocità più basse ma in ambienti decisamente più ostili.
Come vedete nel video, se spruzziamo due diversi tipi di lubrificante su una superficie metallica, le caratteristiche sono completamente differenti, proprio perché uno è appositamente formulato per le moto stradali e l’altro per quelle da cross e enduro.

Per applicare correttamente il lubrificante, fate girare la ruota e spruzzate sul lato interno della catena vicino al pignone, tra le piastre interne e quelle esterne e centralmente sui rulli. Attenzione, il grasso non va mai spruzzato all’esterno della catena.
Aspettate circa 10-15 minuti che il solvente evapori e rimuovete eventuali eccessi di olio con un panno pulito. Controllate con cura il pneumatico posteriore, perché qualche goccia d’olio potrebbe esservi sfuggita per errore nella direzione sbagliata, e siete pronti per un giro di prova!

Iscriviti alla Community

Scrivi un commento

Condizioni d'uso
Top