Sport

pubblicato il 1 luglio 2012

WSBK 2012, Motorland Aragon, Gara 2: Melandri risponde a Biaggi

Marco beffa Laverty all'ultimo giro e torna a -48 da Max. Primo podio per Davies

WSBK 2012, Motorland Aragon, Gara 2: Melandri risponde a Biaggi

Se gara 1 era stata spettacolare, probabilmente non ci sono aggettivi per descrivere lo show che ha regalato la seconda frazione del Mondiale Superbike a Motorland Aragon. Un quartetto indiavolato ha battagliato per la vittoria fino all'ultimo metro di gara, al punto che forse in questo caso sarebbe stato necessario un podio con quattro gradini, perchè tutti i contendenti avrebbero meritato di salirci.

Proprio come un anno fa, il weekend sul tracciato spagnolo si è concluso con una vittoria a testa per Max Biaggi e Marco Melandri, con il ravennate della BMW che è uscito trionfante in gara 2, proprio dopo aver regolato le tre Aprilia in pista, che si sono presentate sotto alla bandiera a scacchi con nell'ordine Eugene Laverty, Chaz Davies ed il "Corsaro".

La seconda metà di gara però è stata veramente un continuo di emozioni e di scambi di posizioni al vertice. Inizialmente erano stati Melandri e le RSV4 ufficiali di Laverty e Biaggi a battagliare per la leadership. Poi, approfittando della loro lotta, Davies ha impostato un gran passo di gara e si è riportato anche lui nel gruppo di testa.

Laverty ha provato a tenere botta fino alla fine, ma Melandri all'ultimo giro ha trovato veramente un sorpasso da manuale, impostando poi un'ottima traiettoria difensiva nell'ultima staccatona in fondo al rettilineo opposto, riuscendo a rimanere alla corda e quindi davanti all'Aprilia dell'ex compagno di squadra.

Poco più indietro intanto Davies è stato bravissimo a respingere i tentativi di attacco di Biaggi, conquistando il suo primo podio nella serie iridata. La sensazione però è che, vista la grinta con cui si confrontavano i suoi avversari, Max abbia anche badato a non correre rischi per portare a casa dei punti importanti in ottica campionato. Anche perchè alla fine comunque lascia la Spagna con 48 punti di margine su Melandri.

Alle spalle del quartetto di testa, staccato di oltre 6", si è reso autore di una bellissima rimonta Jonathan Rea: scattato dal fondo dello schieramento, il pilota della Honda è riuscito ad arrivare a piazzarsi davanti a Carlos Checa e Tom Sykes, che si sono piazzati rispettivamente settimo ed ottavo, alle spalle anche di Leon Haslam.

In questo modo Johnny ha consolidato il suo terzo posto in campionato, anche se il suo distacco da Biaggi comincia ad essere di 65,5 punti. Addirittura oltre 70 per gli altri due piloti già citati. La sensazione, dunque, è che per la corsa al titolo ci attende un entusiasmante derby tricolore tra Biaggi e Melandri.

Tutto sommato positiva anche la prova di Ayrton Badovini e Davide Giugliano, che hanno completato la top ten in nona e decima posizione. Forse però dal portacolori della BMW Motorrad Italia ci si poteva attendere anche qualcosa in più dopo che in gara 1 era stato capace di battagliare per il podio prima di essere costretto al ritiro.

World SBK - Motorland Aragon - Gara 2

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top