Sport

pubblicato il 28 giugno 2012

MotoGP 2012 Assen, Libere 2: Spies e Crutchlow davanti

Terzo Hayden. Lorenzo è quinto, Stoner "scivola" in decima posizione

MotoGP 2012 Assen, Libere 2: Spies e Crutchlow davanti

Guardando ai risultati della seconda sessione di prove libere della MotoGP ad Assen viene quasi da dire che chi ci capisce qualcosa è bravo: negli ultimi minuti la classifica ha cambiato faccia più volte, andando a delinearsi in maniera piuttosto anomala, con tutti i piloti più attesi che non sono riusciti a portarsi nelle primissime posizioni. Va detto però che i primi 11 sono tutti racchiusi in meno di mezzo secondo!

Ad ottenere la miglior prestazione è stato un Ben Spies rivitalizzato dalla pista che un anno fa gli ha regalato la sua prima ed unica vittoria nella classe regina. L'americano ha girato in 1'34"886, precedendo di appena 6 millesimi l'altra Yamaha M1 di Cal Crutchlow, che quindi non sembra essere troppo rallentato dall'infortunio alla caviglia rimediato a Silverstone.

Stupisce l'ottimo terzo tempo messo a referto da Nicky Hayden. Per qualche frangente il ducastista era addirittura riuscito a piazzare la sua Desmosedici davanti a tutti, prima di venire scavalcato dai due alfieri della Yamaha. L'americano è stato ancora più veloce di Valentino Rossi, anche se la prestazione del "Dottore" potrebbe anche rivelarsi molto interessante. Nel finale, quando tutti hanno montato al posteriore la gomma morbida, infatti, il pesarese ha continuato a lavorare con quella più dura, scivolando all'ottavo posto, ma ad appena quattro decimi di distacco dal miglior tempo realizzato da Spies.

Ottimo quarto tempo invece per Alvaro Bautista, che è risultato il più veloce tra i piloti di casa Honda, con Dani Pedrosa e Casey Stoner che hanno ancora dovuto fare i conti con evidenti problemi di chattering sulle loro RC213V: lo spagnolo è sesto, mentre l'australiano è addirittura decimo e a fine sessione è parso molto scuro in volto. Tra Bautista e Pedrosa si è inserito Jorge Lorenzo: il leader del Mondiale non è stato velocissimo per quanto riguarda la prestazione pura (anche se paga meno di due decimi dal compagno di squadra), ma sul passo di gara sembra avere qualcosa in più rispetto al resto della concorrenza. Il pilota della Yamaha, infatti, è il più fluido da vedere a livello di guida.

Settimo tempo per Andrea Dovizioso, che non è riuscito a "copiare" le performance del compagno di squadra Crutchlow, anche se nel finale ha abortito un tentativo dopo aver messo a segno due "caschi rossi" nei primi due settori del tracciato olandese.

Per quanto riguarda le CRT, al vertice si è assistito ad un cambio della guardia tra le due ART-Aprilia del Team Aspar: questa volta a dettare il ritmo è stato Aleix Espargaro, risultando l'unico capace di rimanere al di sotto dei due secondi di distacco dalla vetta della classifica.

[Foto: MotoGP.com]

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , 1000 , motogp , pista , personaggi , gare , piloti , personaggi famosi , crt


Top