Novità

pubblicato il 27 giugno 2012

Horex VR6: finalmente in produzione!

Le ultime modifiche hanno fatto ritardare ulteriormente il lancio della sei cilindri teutonica

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Horex VR6 2012 - I test del prototipo - anteprima 1
  • Horex VR6 2012 - I test del prototipo - anteprima 2

La Horex VR6, interessante naked presentata all’Intermot del 2010 è, a quanto pare, pressoché giunta al termine del lungo lavoro di industrializzazione.
Nel corso degli ultimi due anni, come sapete, abbiamo seguito il più possibile da vicino le vicende di questa curiosa super naked spinta da un motore sei cilindri a V stretta, che a quanto pare dovrebbe essere ormai pronta.
L’esempio della Horex ci fa pensare che anche i tedeschi a volte partono con idee trionfalistiche che poi vengono convenientemente ridimensionate in corso d’opera. Se ricordate gli articoli pubblicati da OmniMoto.it, la moto doveva inizialmente essere dotata di un compressore volumetrico Rotrex ed erogare quindi una potenza inizialmente dichiarata in 200 cavalli. Poi ci sono stati vari problemi progettuali e industriali che hanno fatto optare per l’abbandono della sovralimentazione e quindi una conseguente riduzione della potenza installata. Dopodichè sono sopravvenuti problemi logistici legati a forniture esterne che hanno ritardato la produzione più volte e, quando tutto sembrava pronto, è arrivato un altro problema tecnico a far slittare la produzione all’estate del 2012.

AGGIUNTO IL SISTEMA DI ARIA SECONDARIA
L’ultimo ritardo è stato causato dalla necessità di prevedere un sistema di immissione di aria fresca allo scarico, previsto, a detta dell’azienda, per garantire che il nuovo sei cilindri rispetti i futuri standard di emissione. Non vogliamo certamente mettere in dubbio quanto sostenuto, ma siamo dell’opinione che molto più probabilmente il motore con le sue caratteristiche attuali, era un po’ al limite con l’omologazione Euro3, e quindi alla Horex hanno preferito riprogettare la testata.
Aggiungere un sistema di immissione aria secondaria, però, non è una modifica indolore, visto che (a meno di soluzioni posticce…) bisogna modificare le fusioni della testata per ricavare i passaggi, e tutto ciò chiede tempo e investimenti.

Clement Neese Amministratore Delegato della Horex ha dichiarato che: "Questa soluzione tecnicamente sofisticata ci è costata un po' più di tempo, ma ci mette al sicuro. La decisione di integrare un sistema SAIS significa spese supplementari in termini di progettazione del motore e di messa a punto. E’ stato necessario anche ripetere tutta una serie di prove di emissioni per completare l’omologazione della Horex. La decisione di aggiungere il sistema SAIS ha giocato un ruolo chiave nella riprogrammazione dell’inizio della produzione di serie e cambiare il nostro piano di produzione è stato tutt'altro che facile.
Ma il nostro obiettivo finale è quello di introdurre la nuova Horex sul mercato con la migliore qualità possibile e, dal momento che non vogliamo scendere a compromessi su questo punto, abbiamo deciso di riprogrammare l'avvio della produzione alla seconda metà di luglio 2012"
.

Abbiamo contattato nuovamente la Casa e ci è stato comunicato che nel 2012 le vendite interesseranno solamente i mercati di Germania, Austria e Svizzera, mentre la distribuzione nei restanti paesi d’Europa è rimandata al 2013.
Speriamo di poter toccare presto con mano la VR6, visto che già il solo sound del sei cilindri a V stretta è davvero intrigante…

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Horex VR6 Roadster - anteprima 1
  • Horex VR6 Roadster - anteprima 2
  • Horex VR6 Roadster - anteprima 3
  • Horex VR6 Roadster - anteprima 4
  • Horex VR6 Roadster - anteprima 5
  • Horex VR6 Roadster - anteprima 6

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , 1000 , naked , curiosità , mercato , tecnica , tecnologia , intermot2010 , lavoro


Top