Sport

pubblicato il 18 giugno 2012

Sardegna Rally Race 2012: una settimana circa al via!

Oltre 100 piloti alla quinta edizione del Rally sardo

Sardegna Rally Race 2012: una settimana circa al via!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 1
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 2
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 3
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 4
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 5
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 6

Manca solo poco più di una settimana alla partenza del Sardegna Rally Race 2012, ed è quasi tutto pronto, anche se, come tutte le gare di enduro, bisogna tenere conto di tutta una serie di variabili che possono influenzare il regolare svolgimento della gara. Questo rally, è sicuramente uno dei più importanti al Mondo, ed il primo in Italia. Ecco perchè oltre cento persone si sono iscritte e prenderanno il via.

Ci saranno poi tutti i fuoriclasse della specialità, da Cyril Despres a Marc Coma, passando per i Campioni del Mondo Helder Rodrigues e Camelia Liparoti. Tutti i migliori italiani, i "soliti" Graziani, Mancini, Zanotti e Co., e gli astri nascenti, uno per tutti quel Joan Barreda che in quanto a manetta ha già "fatto vedere i sorci verdi" a tutti, salvo poi dimostrarsi ancora un po’ acerbo, riguardo all'arte della navigazione. Ma l’elenco dei possibili outsiders è lungo, e comprende Jakub Przigonski, Paulo Gonçalves, l’intera squadra Bordone-Ferrari, l’altro spagnolo Israel Escalera... Concorrenti dall’Italia, finalmente tantissimi, ma da tutte le parti del Mondo. Dalla Spagna, Francia, Portogallo, Polonia o Inghilterra, che sono le Nazioni storicamente sempre presenti, ma anche da Paesi come Sud Africa, Brasile, Cile, che bussano insistentemente alla porta dei grandi eventi con il road-book, o che vi avvicinano con interesse e curiosità, come Venezuela, Uruguay, India ed altri ancora.

Inutile ricordare, ancora una volta, che al Sardegna Rally Race 2012 torna anche Stephane Peterhansel, il riferimento universale di un modo di vivere i Grandi Rally senza compromessi, vale a dire vincendo. Peterhansel non torna in moto per dimostrare qualcosa, non ne ha certo bisogno, ma semplicemente perché il Sardegna Rally Race gli piace, così come piace alla sua compagna della vita, Andrea Mayer. Al fuoriclasse francese piace andare in moto, tornare a respirare l’atmosfera della Grande Corsa con il vento in faccia, e piace la Sardegna, con le sue ambientazioni e le sue straordinarie atmosfere.


Cinque tappe negli scenari più belli della Sardegna, da domenica 24 a giovedì 28 giugno, lungo un percorso in gran parte inedito e sempre affascinante. Soste "obbligate" tra San Teodoro, che è la capitale di Bike Village e del Sardegna Rally Race, e Arbatax, e due tappe ad "anello" che partono ed arrivano nello stesso posto, riportando i concorrenti sulla spiaggia ancor più in fretta. Una sola delle cinque tappe finisce nell’entroterra, nello scenario incredibilmente suggestivo del santuario di Sa Itria, che ospiterà come lo scorso anno l’indimenticabile notte della tappa marathon del Rally, magico punto di congiunzione tra la seconda e la terza tappa.

Gli organizzatori hanno poi pensato ai più giovani e agli inesperti. Così sono indetti due Challenge: il primo è il "Paradise Resort Punta di l’Aldia", che premia i primi tre non-pro (o over cinquanta), che cioè non siano mai entrati nei primi nel Mondiale o alla Dakar. Sono in palio la restituzione della quota di iscrizione e due vacanze di una settimana a San Teodoro; il secondo è il "Challenge Bike Village-NPO", che mette in palio la partecipazione alla Baja Maroc per il miglior Under 25 in classifica al Sardegna Rally Race.

Autore: Redazione

Tag: Sport , monocilindriche , enduro , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , rally


Top