Sport

pubblicato il 10 giugno 2012

WSBK 2012, Misano, Gara 2: Biaggi firma la doppietta

Max domina e vola a +38,5 su Rea in classifica. Checa cade dopo un contatto con Melandri

WSBK 2012, Misano, Gara 2: Biaggi firma la doppietta

Cambia il modo in cui è arrivato, ma il risultato finale è sempre lo stesso: dopo aver vinto gara 1 in volata su Carlos Checa, Max Biaggi ha concesso il bis anche nella seconda manche del Mondiale Superbike a Misano, ma lo ha fatto a modo suo. Dominando la gara praticamente dall'inizio alla fine.

Pur scattando dalla decima posizione, il pilota dell'Aprilia ha chiuso la prima tornata di gara in terza posizione. Poi, nell'arco di un paio di giri, si è liberato prima di Jonathan Rea e poi di Tom Sykes, iniziando una cavalcata solitaria che lo ha condotto a completare una doppietta che può essere molto pesante anche in ottica campionato.

Max, infatti, è arrivato a tagliare il traguardo con un vantaggio di oltre 5" sulla Honda di Rea, che però sarebbe potuto essere anche maggiore se il "Corsaro" non avesse voluto gestire nelle tornate conclusive della corsa. E Rea ora lo segue anche anche nella classifica del campionato, ma staccato di ben 38,5 lunghezze.

Il pilota del team Ten Kate l'ha spuntata in un duello tutto "british" con Leon Haslam. Johnny ha tenuto il rivale della BMW nella sua scia fino a due giri dal termine, facendo respirare anche un po' le sue gomme, poi ha attaccato riuscendo a mettere un margine di sicurezza tra sé ed il rivale, che quindi si è dovuto accontentare del gradino più basso del podio.

Rispetto a gara 1 è andata decisamente meglio per le S1000RR, che hanno monpolizzato appunto le posizioni comprese tra la terza e la sesta. Al quarto posto si è piazzato Marco Melandri, seguito dalle due moto della BMW Motorrad Italia di Ayrton Badovini e Michel Fabrizio.

Il ravennate, che ora è quarto nel mondiale a 55 punti da Biaggi, è finito anche sotto investigazione per un contatto che ha messo fuori gioco Carlos Checa dopo appena pochi giri di gara. Un duro colpo per lo spagnolo, che con questo zero in classifica precipita a 60 lunghezze di distanza da Biaggi in campionato. Marco si è anche scusato per l'accaduto, ma pure lo spagnolo aveva etichettato l'accaduto come un incidente di gara che può capitare.

E per il Team Althea questa gara 2 è stata senza dubbio da dimenticare, visto che anche Davide Giugliano è finito ruote all'aria poco più tardi rispetto al suo compagno di squadra: un peccato per il campione in carica della Superstock 1000, che era ancora ampiamente in lotta per il podio.

Solo settimo Tom Sykes, che ancora una volta pare aver chiesto troppo alle sue gomme per comandare le primissime fasi della corsa, precipitando nella parte conclusiva. Il pilota della Kawasaki comunque rimane terzo in campionato, staccato di 46 punti di Biaggi.

Nel box delle "verdone" però possono essere fieri per aver scelto di puntare su Loris Baz per il resto della stagione, perchè il francese ha tagliato il traguardo nella scia del britannico. Non male per un rookie che era appena alla terza gara in sella alla ZX-10R. Solo nona la prima delle Ducati, che è quella di Jakub Smrz, mentre dietro di lui bisogna sottolineare l'ottima prova di Matteo Baiocco, decimo da wild card.

World SBK - Misano - Gara 2

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top