Sport

pubblicato il 7 giugno 2012

Tourist Trophy 2012: Michael Rutter, ancora sua la SES TT Zero!

La MotoCzysz E1pc va oltre i 104 mph di media, seguono McGuinness e Miller

Tourist Trophy 2012: Michael Rutter, ancora sua la SES TT Zero!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Tourist Trophy 2012: SES TT Zero - anteprima 1
  • Tourist Trophy 2012: SES TT Zero - anteprima 2
  • Tourist Trophy 2012: SES TT Zero - anteprima 3
  • Tourist Trophy 2012: SES TT Zero - anteprima 4
  • Tourist Trophy 2012: SES TT Zero - anteprima 5
  • Tourist Trophy 2012: SES TT Zero - anteprima 6

Dopo una serie piuttosto lunga di rinvii dovuti al maltempo che ha colpito ieri l'Isola di Man, nel pomeriggio ha finalmente preso il via la classe SES TT Zero al Tourist Trophy 2012, ovvero la gara riservata alle moto elettriche, che si è rivelata un vero e proprio successo, con ben tre piloti capaci di sfondare il muro delle 100 miglia di media nell'unico giro da percorrere dello Snaefell Mountain Course.

A trionfare, come da pronostico, è stato Michael Rutter: dopo aver superato le 100 miglia già in qualifica, in gara ha... superato se stesso, sfoderando un giro da addirittura 104,056 miglia orarie, che gli è valso la sua terza affermazione sulle strade del Tourist Trophy.

I pronostici però non sono stati rispettati fino in fondo, visto che alle MotoCzysz E1pc non è riuscita la doppietta, con Mark Miller che si è dovuto accontentare del terzo gradino del podio, cedendo il secondo ad un John McGuinness che ha mostrato una Mugen Shinden decisamente in crescita rispetto ai giorni delle prove.

"Morecambe Missile" è stato velocissimo soprattutto nella parte collinare del tracciato, nella quale ha recuperato anche su Rutter, tagliando il traguardo staccato di una quindicina di secondi, ad oltre 102 miglia di media.

Ancora troppo acerba la Zero Emission TMG di Rob Barber, che ha visto la bandiera a scacchi, ma con oltre sette minuti di ritardo nei confronti del vincitore. La gara della Komatti di Yoshinari Matsushita è durata invece appena lo spazio di poche curve. Al giapponese è comunque andata meglio che a Gary Johnson, che ha rinunciato a prendere il via dopo i problemi evidenziati dalla sua moto nelle qualifiche.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , pista , personaggi , gare , automatiche , piloti , personaggi famosi , emissioni zero , moto elettriche , tourist trophy , tourist trophy 2012


Top