Sport

pubblicato il 5 giugno 2012

Xtreme Lumezzane 2012: Meo vince la settima edizione!

Secondo Thomas Oldrati, terzo Eero Rems. Botturi: "Mi dedico ai Rally!"

Xtreme Lumezzane 2012: Meo vince la settima edizione!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Xtreme Lumezzane 2012 - anteprima 1
  • Xtreme Lumezzane 2012 - anteprima 2
  • Xtreme Lumezzane 2012 - anteprima 3
  • Xtreme Lumezzane 2012 - anteprima 4
  • Xtreme Lumezzane 2012 - anteprima 5
  • Xtreme Lumezzane 2012 - anteprima 6

Lo scorso fine settimana si è tenuta la settima edizione della Xtreme Lumezzane, una gara estrema di enduro, fatta di competizione e spettacolo. Una competizione durissima, che si concentra soprattutto su quel "Det de Deaol", il Dente del Diavolo, che è il culmine di un’esperienza senza eguali. Ed è così da dieci anni, da sette edizioni se si conta anche questa appena archiviata.

L’epilogo della settima edizione della gara inventata dal Moto Club Lumezzane non è dissimile da quello dell’edizione 2010. Sotto i riflettori di una notte di mezza estate aveva vinto Antoine Meo, e Thomas Oldrati non era riuscito a strappare al collega francese un Trofeo particolarmente ambito. La storia si è ripetuta due anni dopo, assai simile nell’esito finale, con la differenza che il terzo sul gradino del podio di allora, Alex Belometti, dirige ora la squadra in cui corre Oldrati, il Bordone-Ferrari Racing Team, ed il suo posto è stato rilevato dal finlandese Eero Remes, compagno di squadra del KTM Team Farioli, che si aggiudica il Trofeo riservato alle Squadre.

Gara esaltante, un pelo meno "maledetta" ed una spanna più in alto dal punto di vista tecnico, favorita dal percorso e dall’evoluzione dell‘enduro, disciplina sempre più specializzata ed interessante. Anche il Dente del Diavolo, quell’angolo del Passo del Cavallo scolpito dalla "mente criminale" di Aldo Seccamani, risulta meno "letale" e favorisce uno sviluppo di gara più equilibrato ed avvincente. Come sempre l’inizio è "drammatico" e sembra che nessuno possa riuscire a superare la salita finale, ritenuta impossibile. Grande lavoro della "compagnia della spinta" (o, per meglio dire, recupero...), indispensabile perchè i concorrenti possano proseguire. Poi il primo pilota rompe il ghiaccio e passa oltre, gli altri acquistano fiducia e, l’ostacolo insormontabile diventa lo spettacolare spartiacque tra un giro e l’altro, tra la bravura e la debolezza o la sfortuna, tra il vincitore e gli sconfitti.

Meo è il vincitore, per tre volte il migliore sulla salita impossibile come nel resto del giro, ma gli sconfitti hanno ugualmente esaltato l’incredibile folla accorsa al Passo del Cavallo per non perdersi l’assalto alla "gara più bella, più ricca, più dura", come citano orgogliosamente gli organizzatori del Moto Club Lumezzane.

Alessandro Botturi, idolo di casa e vincitore dell’edizione 2004, settimo sul traguardo della Xtreme, annuncia il definitivo ritiro dalle competizioni di Enduro per dedicarsi totalmente ai Rally, due "cinquantini" vanno al di là di ogni più rosea aspettativa e concludono la gara, sono quelli di Andrea Manarin e Luca Apollonio, e Alberto Dall’Era, 18°, vince il Trofeo Bordone-Ferrari per il migliore Non-Pro.

Alessandro Botturi:"Così ho deciso. Non correrò più nelle gare di enduro per concentrarmi totalmente sul programma Rally del Bordone-Ferrari Racing Team. I Rally mi impegnano moltissimo, tra gare ed allenamenti, e la preparazione specifica è molto particolare. Sto facendo progressi notevoli, continuo ad imparare e scopro ogni giorno un aspetto diverso e nuovo di questa disciplina affascinante. La verità è che mi attrae sempre di più, e che mi dà nuove motivazioni, che vengono sottratte al desiderio di competere nell’enduro. È probabile che faccia ancora qualche piccola gara, ma saranno solo episodi. Quello che non posso dire categoricamente è che tornerò all’Xtreme, magari anche solo per viverne l’atmosfera speciale".

Autore: Redazione

Tag: Sport , monocilindriche , enduro , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi


Top