Novità

pubblicato il 23 maggio 2012

Kawasaki KX450F 2013

Motore rivisto, più potente su tutto l'arco di erogazione. La forcella è la nuova PSF

Kawasaki KX450F 2013
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki KX450F 2013 - anteprima 1
  • Kawasaki KX450F 2013 - anteprima 2
  • Kawasaki KX450F 2013 - anteprima 3
  • Kawasaki KX450F 2013 - anteprima 4
  • Kawasaki KX450F 2013 - anteprima 5
  • Kawasaki KX450F 2013 - anteprima 6

Stamane abbiamo analizzato la "piccola", la Kawasaki KX250F 2013, ora tocca alla sorella maggiore, la Kawasaki KX450F 2013, moto che porta con sé diversi successi, primo su tutti quello di Ryan Villopoto, vincitore dell'AMA Supercross 2012, senza considerare l'attuale terzo (Christophe Pourcel) e quarto posto (Gautier Paulin) nel Mondiale MX1 2012. Come per la piccola 250, anche sulla quattro e mezzo gli ingegneri hanno pensato di aumentare le prestazioni, sia a livello del motore che delle ciclistica.

MOTORE RIVISTO
Il pistone è sempre ad alte prestazioni, ha un mantello ridotto, le nervature esterne rinforzate e il fondo a doppia nervatura (unico nella produzione di serie); è dotato di rinforzo interno e nella versione 2013 il cielo è più basso di 0,2 mm, oltre a presentare bordi arrotondati. La camma dell'aspirazione ha un profilo differente con un'alzata ridotta (di 0,4 mm). Il braccio di manovella è a forma di cuneo e aumenta la compensazione, tutto per aumentare il fattore di bilanciamento dell'albero motore (meno vibrazioni più regolarità d'erogazione e più prestazioni). La marmitta è poi stata oggetto di diverse attenzioni e modifiche (all'interno), per rientrare nella legge sull'inquinamento acustico.

L'ECU è nuova e presenta tre mappature, Standard, Hard e Soft e basta utilizzare gli attacchi rapidi (DFI) per cambiare le mappe. Come per la 250, vi è un kit modificare le mappe stesse dal pc. In tema di elettronica, troviamo la modalità Launch Control: premendo il pulsante sito alla destra del braccialetto della frizione, si ritarda l'accensione del motore, controllando dunque la potenza dello stesso. Il sistema funziona a folle, in prima e in seconda; quando si inserisce la terza marcia, questo si disattiva automaticamente. L'iniezione sfrutta un corpo farfallato da 43 mm e l'iniettore (orientato a 45°), a nebulizzazione ultrafine, ha 12 fori e spruzza particelle delle dimensioni di 60 μm.

ARRIVA LA FORCELLA PSF
Confermato il telaio perimetrale in alluminio, mentre arriva la nuova forcella PSF è più leggera, facilmente regolabile e con più tarature. E' una Kayaba, e PSF è l'acronimo di Pneumatic Spring Fork, ed in sostanza non è dotata delle classiche molle (è l'aria che funge da regolatrice), tutto per una riduzione di peso di 750 grammi. Non essendoci le molle dunque, basta "regolare" la pressione dell'aria, senza dover disassemblare la forcella stessa. Con la moto viene infatti fornito un adattatore, così, con una manometro e un tubo flessibile si può variare la pressione interna. Con questo sistema si riduce l'attrito interno di circa il 20%, e inoltre, le piccole molle bilanciate utilizzate nelle cartucce, sono dotate di parasteli per ridurre l'attrito. Vista l'assenza delle molle, si è potuto lavorare sui componenti interni; i cilindri sono passati da 24 mm a 32 mm e di conseguenza i pistoni, più grandi, generano una forza quasi doppia quanto a smorzamento. Compressione ed estensione, sono regolabili come su una normalissima forcella. Gli steli interni sfruttano un rivestimento DLC, mentre i foderi sono trattati con la tecnologia anti-attrito Kashima Coat.

Il monoammortizzatore è stato ritarato, ed il sistema Uni-Trak è stato rivisto: il braccio della sospensione si trova sotto il forcellone, ed è stato oggetto di diversi studi per determinare i giusti rapporti tra i leveraggi e le tarature del mono. Il manubrio è ora regolabile su ben quattro posizioni, grazie anche ad una piastra di sterzo superiore dotata di due serie di fori, per un range di regolazione di 35 mm. Anche le pedane sono regolabili: queste possono essere abbassate, rispetto alla posizione di standard, di 5 mm.

La sella ha un rivestimento antiscivolo differente, le manopole sono più lunghe di 10 mm (Renthal il manubrio). Nuova la pompa freno, con pastiglie che offrono un attrito maggiore. Rivisto il design del disco posteriore. Parafango e portanumero anteriore hanno un nuovo design, mentre il paraspruzzi posteriore è bianco. Il peso complessivo della moto è di 112,5 Kg.

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki KX450F 2013 - Foto movimento - anteprima 1
  • Kawasaki KX450F 2013 - Foto movimento - anteprima 2
  • Kawasaki KX450F 2013 - Foto movimento - anteprima 3
  • Kawasaki KX450F 2013 - Foto movimento - anteprima 4
  • Kawasaki KX450F 2013 - Foto movimento - anteprima 5
  • Kawasaki KX450F 2013 - Foto movimento - anteprima 6

Kawasaki KX450F MY13 - Forcella PSF

Kawasaki KX450F MY13 - Forcella PSF

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , monocilindriche , cross , tecnica , fuoristrada , ama supercross 2012


Top