Attualità e Mercato

pubblicato il 15 maggio 2012

Quel dito medio che non convince

Un guidatore fa il gestaccio del dito medio a un poliziotto: nessuna conseguenza

Quel dito medio che non convince

La storia risale a qualche settimana fa, quando una pattuglia della Polizia municipale di Modena effettua un controllo su un veicolo: per tutta risposta, il guidatore esibisce il dito medio all'ispettore Egidio Michelini. E veniamo a oggi: in seguito alla querela nei confronti del cittadino per oltraggio a pubblico ufficiale, il 26 aprile 2012 il Pubblico ministero della Procura della Repubblica di Modena, Domenico Amborsino, chiede al Giudice per le indagini preliminari di archiviare il caso.

Chi ha sbagliato? Il Pubblico ministero, no: in effetti, non c'è stato oltraggio. Per un motivo semplice: solo l’ispettore era presente al momento del gestaccio. Affinché si configuri il reato, occorre invece che più persone assistano al fatto. E allora il "dito medio" viene considerato dal PM semplicemente mancanza di educazione, anche perché ormai quel gesto è sempre più presente su oggetti, indumenti, borse; e perfino i politici lo utilizzano (Bossi in testa…).

Morale: l'onore e il decoro del poliziotto sono intatti. Tutto secondo la Legge, così come riformata nel 2009: c’è oltraggio se l'offesa avviene in luogo pubblico o aperto al pubblico, in presenza di più persone, con una valenza tale da sminuire l'onore e il decoro del pubblico ufficiale.

Ecco il PM: "Il nuovo testo del delitto di oltraggio, reintrodotto dopo un lungo periodo di depenalizzazione, si distingue nettamente dal precedente testo proprio in quanto richiede che più persone individuate o individuabili (per esempio avventori di un pubblico esercizio) abbiano percepito il gesto oltraggioso: tale requisito indefettibile per la configurabilità del delitto non si è realizzata".

E ancora: "Si è trattato di un gesto oggettivamente maleducato, non legato alla persona che lo ha percepito, segno tra tanti di un malcostume generalizzato con quali cittadini ben educati sono ormai costretti a rapportarsi, ma che, ad avviso di chi scrive, non sussiste come reato ovvero non vi è lesione del bene giuridicamente protetto; pertanto la notizia di reato è infondata".

A questo punto, il problema che si pone è di natura morale: la libertà di fare il "dito medio" la riteniamo ingiusta verso la Polizia, che sta solo svolgendo il proprio lavoro. Qualsiasi guidatore potrebbe esibirsi nel gestaccio, senza conseguenze. Un piccola giungla urbana, più ancora di quanto sia oggi.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , strada , curiosità , editoriale , multe


Top