Test

pubblicato il 11 maggio 2012

Dunlop ScootSmart - TEST

Semplificata, ma più sofisticata, la gamma pneumatici Dunlop scooter copre tutte le esigenze

Dunlop ScootSmart - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dunlop ScootSmart - Test - anteprima 1
  • Dunlop ScootSmart - Test - anteprima 2
  • Dunlop ScootSmart - Test - anteprima 3
  • Dunlop ScootSmart - Test - anteprima 4
  • Dunlop ScootSmart - Test - anteprima 5
  • Dunlop ScootSmart - Test - anteprima 6

Nonostante la crisi del mercato delle due ruote, il segmento degli scooter riesce a difendersi, grazie anche al costo del carburante e alle misure restrittive nei confronti del traffico nelle grandi città. I modelli più amati al momento sono quelli con l’anima ecologica, tendenzialmente sopra i 200 cc, per macinare chilometri in città e fuori, durante tutto l’anno, con qualsiasi condizione meteo.
Per questo Dunlop ha riprogettato la sua gamma in modo da coprire queste nuove esigenze proponendo il nuovo ScootSmart, declinato in tutte le misure richieste dal mercato: dai modelli 50cc fino ai tre ruote, sia a struttura radiale che convenzionale.
Questo pneumatico è stato studiato partendo dal vendutissimo modello moto da sport Touring, lo Sportmax Roadsmart, adattandolo alle esigenze di durata e di utilizzo di un mezzo così diverso quale lo scooter.

OMOLOGATO FINO A 210 KM/H
Nel dettaglio, l’analisi elettronica agli elementi finiti denominata FEA, ha consentito di verificare tramite simulazioni computerizzate il comportamento del pneumatico in tutte le condizioni di gonfiaggio, di grip e condizione dell’asfalto.
La mescola è stata raffinata adottando un’elevata quantità di silice, finora usata solo su pneumatici da gara, e da particelle di nerofumo microscopiche, così da rendere la superficie più uniforme ottenendo migliori condizioni di grip, frenata e soprattutto durata.

La carcassa è costruita con tecnologia Hybrid Cord, dove due diverse fibre di polimeri con caratteristiche opposte vengono intrecciate a formarne una terza, che costituisce l’anima del pneumatico. Con questo tipo di struttura, la gomma si adatta in modo dinamico alle sollecitazioni di tensione subite durante le diverse fasi di marcia, dando luogo a miglior comfort e una migliore stabilità.
Il battistrada presenta degli intagli multi direzionali, incrementati nella parte centrale per favorire l’espulsione dell’acqua ed incrementare la durata, e diminuiti nella parte laterale, per aumentarne le prestazioni in curva durante le fasi di piega.
Nelle versioni radiali il Dunlop ScootSmart si discosta pochissimo da un pneumatico da moto vero e proprio, con una struttura a doppia tela e doppia cintura tale da consentire precisione e maneggevolezza. Gli utenti di scooteroni di grossa cilindrata gradiranno sapere che nelle misure superiori la gamma di velocità arriva fino a 210kmh.

TEST BAGNATO: OK!
Il nostro test, effettuato con diversi modelli di scooter presenti sul mercato, sia nella cilindrata che nelle dimensioni delle ruote, ha dimostrato l’efficacia di questo pneumatico in tutte le situazioni.
Dal viscido pavè cittadino, al tornante umido, dal brecciolino alla tangenziale ad alta velocità sotto una pioggia battente, ScootSmart ha dato prova di grandissima stabilità e nessun accenno di acquaplaning, dimostrando la bontà del prodotto sotto ogni punto di vista.

Autore: Vanessa Anfossi

Tag: Test , strada , scooter , 600 , mercato , gomme , automatiche


Top