Sport

pubblicato il 21 aprile 2012

WSBK 2012, Assen: terza Superpole di fila per Sykes

Il pilota della Kawasaki vola con la pista che si asciuga: Rea secondo a 1"1

WSBK 2012, Assen: terza Superpole di fila per Sykes

Qualora ce ne fosse ancora bisogno, Tom Sykes ha dimostrato nuovamente di essere un animale da qualifica, sfoderando una prestazione davvero clamorosa nella Superpole del round di Assen del Mondiale Superbike.

Una Superpole andata in scena con un format particolare rispetto al solito, come prevede il nuovo regolamento in caso di sessione bagnata: i tronconi in questo caso diventano solamente due, entrambi più lunghi, ed al termine del primo sono otto i piloti che devono salutare la caccia alla partenza al palo.

La Superpole, infatti, è iniziata con l'asfalto ancora bagnato in diversi tratti del tracciato, obbligando la direzione gara ad indicarla come bagnata. Ed in queste condizioni, con la pioggia che ha graziato il resto dei due segmenti, era chiaro che le zampate più importanti sarebbero arrivate nel finale, mano a mano che la pista si asciugava.

E così è stato con Sykes che è riuscito a sfoderare il suo tempone clamoroso quando mancava poco meno di cinque minuti al termine della Superpole 2: il pilota britannico ha stampato un clamoroso 1'35"399, riuscendo a staccare di oltre un secondo la Honda di Jonathan Rea.

La prima fila poi si completerà con le due Ducati del Liberty Racing: Jakub Smrz e Sylvain Guintoli sono riusciti a piazzare le loro 1198 in terza e quarta posizione, precedendo quella del campione del mondo in carica Carlos Checa, che invece aprirà la seconda fila con il secondo tempo.

Accanto a lui si andranno a schierare le due BMW di Michel Fabrizio e Leon Haslam e la Suzuki di John Hopkins. Per il pilota romano si tratta della miglior qualifica da quando è passato in sella alla S1000RR. Discorso simile per lo statunitense, ma legato al suo ritorno a tempo pieno nella serie iridata.

E proprio "Hopper" ha eliminato Marco Melandri all'ultimo secondo della Superpole 1, relegandolo in nona posizione. Il ravennate ci è andato molto cauto sul bagnato, ma se domani ci sarà asciutto potrà essere sicuramente tra i protagonisti.

Entra nella top ten anche David Salom con la Kawasaki del team Pedercini, mentre la giornata nera dell'Aprilia è stata completata da Eugene Laverty: dopo l'esclusione di Max Biaggi (17esimo in griglia) al termine della Q2, l'irlandese è caduto nella Superpole 1 e non è riuscito a fare meglio del 14esimo crono. La miglior RSV4, dunque, è quella di Chaz Davies: il campione del mondo della Supersport è 11esimo.

Da segnalare, infine, il brutto incidente che ha avuto per protagonisti Ayrton Badovini e Maxime Berger. Il francese ha anche rischiato di finire schiacciato dalla sua Ducati, ma tutti se la sono cavata senza un graffio.

World Superbike - Assen - Superpole

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top