Test

pubblicato il 23 aprile 2012

Michelin Power Pure SC - TEST

Arriva il primo bi-mescola da scooter. Ottimi sia grip che handling

Michelin Power Pure SC - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Michelin Power Pure SC – TEST - anteprima 1
  • Michelin Power Pure SC – TEST - anteprima 2
  • Michelin Power Pure SC – TEST - anteprima 3
  • Michelin Power Pure SC – TEST - anteprima 4
  • Michelin Power Pure SC – TEST - anteprima 5
  • Michelin Power Pure SC – TEST - anteprima 6

Il mercato parla chiaro, sono gli scooter (da 125 cc a oltre 500 cc) che permettono alle Case motociclistiche di… "andare avanti". E’ logico dunque, che produttori di parti speciali e aziende di pneumatici dedichino particolare attenzione a questi due ruote. In questi ultimi tempi sono i costruttori di pneumatici ad investire, cercando di offrire un ampio ventaglio di proposte. Secondo le statistiche, le gomme omologate con il codice P (sigla che identifica l’omologazione oltre i 150 Km/h) dal 2006 ad oggi hanno visto un aumento di vendite del 30% (rappresenta la metà del venduto totale per gli scooter), percentuale che conferma la validità dell’investire in questo segmento. Per il 2012 è poi previsto un ulteriore aumento (+1,5%), abbastanza da convincere dunque ad investire. Michelin è tra le aziende di pneumatici che più sta investendo, vedesi Michelin City Grip.

BI-MESCOLA. MA PERCHE’?
L’81% degli utenti utilizzano lo scooter quotidianamente, e la maggior parte "richiedono" ai propri pneumatici sicurezza, nessun problema e performance in qualsiasi condizione (asfalto bagno, umido o asciutto N.d.R.). E' già da un po' però, che i motociclisti hanno comprato anche lo scooter (oltre alla moto), o che hanno optato per questo mezzo vendendo la moto. Parliamo di circa 1/3 degli scooteristi, utenti che oltre alle citate qualità richiedono maggior grip e più sensazioni di guida. Da qui, la risposta di Michelin con i nuovi Pilot Pure SC il primo pneumatico al mondo ad utilizzare la tecnologia 2CT (Dual Compound Technology), meglio conosciuto come bi-mescola. Questa gomma ha dunque il centro più duro in modo da garantire maggior durata, ed ai lati ha una mescola più morbida per garantire un grip superiore.

Il disegno poi, deriva dai pneumatici sviluppati per le moto ad alte prestazioni. Questo nuovo penumatico, che si inserisce nel segmento "sport premium" (è il primo in assoluto sul mercato) sostituisce il Pilot Sport SC ed è disponibile per la maggior parte degli scooter oltre 125 cc sul mercato (a piè di pagina trovate le varie misure). Se state pensando alle misure per lo Yamaha TMAX 530 e al BMW C 600 Sport (120/ 70 15" all’anteriore e 160/60 15" al posteriore), ve lo diciamo subito: ancora non ci sono, ma saranno disponibili entro fine anno e saranno sempre bi-mescola ma con caratteristiche diverse, viste le prestazioni più importanti, tra i quali, la struttura radiale.

GRIP AL TOP
Il test si è svolto in Valtellina (vicinissimi al Lago di Como) in una bellissima giornata di sole con una temperatura di circa 15 °C, ed i nuovi Power Pure SC erano montati su dei Suzuki Burgman 400 ABS. Abbiamo percorso qualche chilometro tra strade e stradine di montagna, ricche di tornanti, senza naturalmente escludere qualche passaggio nei paesi, dove abbiamo trovato anche brecciolino e pavé. Le gomme entrano abbastanza presto in temperatura, ed offrono un grip senza eguali. Di sicuro, se c’è una cosa che va in crisi quando si alza il ritmo è lo scooter, dotato di sospensioni piuttosto impostate al comfort di guida (e quinti troppo "aperte"), che non le coperture francesi. Senza nemmeno forzare troppo il ritmo abbiamo toccato più volte il cavalletto centrale, ma i pneumatici non hanno mai mostrato il limite.

Quanto all’handling, è ottimo: lo scooter è ancora più maneggevole e nei destra/sinistra è velocissimo ed intuitivo, ma nolto "naturale" nello scendere in piega. In frenata le ruote non si bloccano facilmente (parliamo di quella frazione di secondo prima dell’intervento dell’ABS in cui non girano) e solo se si "strizzano" con forza le leve dei freni le Power Pure SC mostrano i fianchi. Parliamo però di situazioni in cui altri pneumatici avrebbero già perso buona parte del grip... Come se non bastasse poi, si può entrare "frenati" in curva sia con l’impianto anteriore in funzione che quello posteriore, senza nessun problema. Quasi assente l’effetto "autoraddrizzante" quando in curva si sfiora il freno anteriore.

CONCLUSIONI
Insomma queste nuove Michelin Power Pure SC ci hanno convinto, ed hanno un comportamento molto più simile alle coperture che equipaggiano le moto. Per un utilizzo "sportivo", soddisfano grazie alla tecnologia bi-mescola, che permette di affrontare ottime pieghe in tutta sicurezza, e di frenare fin dentro la curva. Niente male poi, il comfrot offerto, grazie ad una carcassa non troppo rigida. Ora attendiamo le misure per Yamaha e BMW, scooter già di loro, di estrazione sportiva, e vedremo come andranno. Non possiamo naturalmente pronunciarci sulla durata, ma un difetto un nostro collega l’ha trovato: non sono autogonfianti!

MISURE PNEUMATICI
Anteriori: 110/90-12 64P REINF; 110/90-13 56P; 120/70-12 51P; 120/70-13 53P; 120/70-14 55P; 120/70-14 55S; 120/70-15 56S; 120/80-14 58S.
Posteriori: 130/60-13 53P; 130/60-13 60P REINF; 130/70-12 56P; 130/70-12 62P REINF; 130/70-13 63P REINF; 130/80-15 63P; 140/60-13 57L; 140/60-13 57P; 140/70-12 60P; 150/70-13 64S; 150/70-14 66S.

ABBIGLIAMENTO TEST
In questo test abbiamo utilizzato:
Nolan X-702
Alpinestars: giacca Longa Range2 Drystar, guanti Jet Road Gore-Tex e stivali Tech Touring gtx

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Test , strada , scooter , varie , test , gomme


Top