Sport

pubblicato il 13 aprile 2012

EWC 2012- 76° Bol d'Or: Sert in testa dopo le prime qualifiche

La Suzuki si conferma la favorita a Magny Cours

EWC 2012- 76° Bol d'Or: Sert in testa dopo le prime qualifiche
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • EWC 2012 76° Bol d\'Or - Qualifiche - anteprima 1
  • EWC 2012 76° Bol d\'Or - Qualifiche - anteprima 2
  • EWC 2012 76° Bol d\'Or - Qualifiche - anteprima 3
  • EWC 2012 76° Bol d\'Or - Qualifiche - anteprima 4
  • EWC 2012 76° Bol d\'Or - Qualifiche - anteprima 5
  • EWC 2012 76° Bol d\'Or - Qualifiche - anteprima 6

La prima giornata di qualifiche della 76° edizione del Bol d’Or, gara che inaugura la stagione 2012 dell’Endurance è trascorsa in modo abbastanza movimentato con molte cadute, nonostante il clima mite della giornata.
Partita subito con la lancia in resta è la compagine della Suzuki Sert, la squadra Campione del mondo in carica. Chi conosce il mondiale endurance sa bene che la Sert spesso non è la squadra più veloce in prova, ma in gara l’esperienza del Team è tale che stare davanti alle moto di Dominique Meliand sia un affare davvero complicato per tutti. Detot ciò, il fatto che ieri pomeriggio i tre piloti della Suzuki n°1 Fabien Foret, Vincent Philippe e Anthony Delhalle si siano subito piazzati in cima alla classifica provvisoria, ha fatto preoccupare più di una squadra all’interno dei box… Se a ciò sommiamo che Philippe è stato l’unico in pista a scendere sotto il tempo di 1.40, viene da pensare che quest’anno la Sert sia ancora più in forma di prima. Da registrare anche una banale scivolata di Delhalle.

Seconda nella griglia di partenza provvisoria è al momento la Kawasaki n°11 del Team SRC, staccata comunque di oltre sei decimi dalla Suzuki Sert. Una innocua scivolata anche per la ZX-10R, caduta sull’olio lasciato in pista dalla Yamaha Rac 41, per fortuna senza conseguenze.
Si rivede nelle posizioni alte della classifica la Yamaha GMT94, un tempo mattatrice della Serie. I suoi piloti, David Checa, Kenny Foray e Matthew Lagrive sono a pochi centesimi dalla Kawasaki n°11, e hanno mostrato un passo molto costante sul 1.41 basso. Una scivolata anche per loro (Lagrive) senza conseguenze.

Inizia malissimo il Bol d’Or per la squadra BMW Motorrad France. L’unico turno di prove filato liscio è stato quello di Sebastien Gimbert che ha siglato il quarto tempo, visto che nei successivi, sia Hugo Marchand che Damian Cudlin sono caduti rovinosamente distruggendo entrambe le moto e impedendo a Erwan Nigon di provare.
Quinta la Yamaha Yart con Gwen Giabbani, Igor Jerman e Steve Martin ad un secondo esatto dai capofila. Prima delle Superstock in gara è la Kawasaki ZX-10R del Team Louit Moto 33, al sesto posto.
Andando a cercare i piloti italiani iscritti al 76° Bol d’Or troviamo in 23esima posizione Emiliano Bellucci sulla Suzuki del Team MCS Ipone e in 25esima posizione Gianluca Vizziello sulla R1 del Team DGSport. Simone Saltarelli e Cristiano Erbacci (quest’ultimo sostituisce Fabrizio Perotti) sono classificati in 28esima piazza con la Suzuki del Team No Limits, l’unica squadra tutta italiana in gara.

Mentre scriviamo sono già in corso le ultime prove di qualifica che stabiliranno la griglia di partenza definitiva della gara che prenderà avvio domani, sabato 14 aprile alle 15.00.
Per ulteriori informazioni su orari e programmazione TV cliccate qui.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , pista , gare , endurance , autodromi , piloti , superstock


Top