Sport

pubblicato il 1 aprile 2012

WSBK 2012, Imola, Gara 1: Checa e Ducati subito davanti

Sykes insegue e Haslam soffia il podio a Biaggi nel finale

WSBK 2012, Imola, Gara 1: Checa e Ducati subito davanti

Ieri aveva detto di sentirsi particolarmente piuttosto tranquillo per quanto riguarda il setting della sua Ducati in ottica gara ed oggi Carlos Checa non ha deluso le sue aspettative. Neanche il repentino abbassamento della temperatura ha ostacolato i piani del campione del mondo in carica che è andato ad imporsi di forza in Gara 1 della Superbike ad Imola.

Lo spagnolo del Team Althea ha lasciato sfogare il poleman Tom Sykes che, come previsto, ha trovato un grande ritmo nella prima fase di gara. Il britannico della Kawasaki però non è riuscito a sganciare dagli scarichi della sua ZX-10R la 1098R di Checa, che all'undicesimo giro ha trovato un bellissimo sorpasso alle Acque Minerali.

Da quel momento ha iniziato a martellare un giro veloce dopo l'altro, riuscendo piuttosto rapidamente a scavare un solco sulla verdona di Sykes e andando ad involarsi verso la seconda vittoria del 2012. Un successo festeggiato all'arrivo anche dai vertici della Ducati: sotto al podio erano presenti Gabriele Del Torchio, Filippo Preziosi ed Ernesto Marinelli.

Alle loro spalle bisogna segnalare l'ottima prova di Leon Haslam, che quindi ha conquistato il primo podio della sua stagione, il secondo per la BMW dopo quello di Marco Melandri a Phillip Island. Nella prima parte di gara il pilota britannico non era sembrato in grado di reggere il passo di Max Biaggi, che viaggiava terzo in solitaria. Nel finale però è riuscito a ricucire lo strappo e a cinque tornate dalla bandiera a scacchi ha trovato il sorpasso alla Villeneuve.

Il "Corsaro", dunque, rimane giù dal podio per la prima volta nel 2012, ma del resto lo sapeva anche lui che ad Imola sarebbe stata dura per la sua Aprilia. Gli rimane però la consolazione di essere ancora leader in campionato, con 8 punti di margine su Checa. La top five poi si completa con l'altra RSV4 ufficiale di Eugene Laverty, che ad appena tre passaggi dal termine è riuscito ad andare a riprendere un ottimo Lorenzo Zanetti e a scavalcarlo. Quest'ultimo purtroppo ha pagato un grande calo delle gomme della sua Ducati del Team Pata e alla fine si è dovuto accontentare dell'ottavo posto. Ma al secondo weekend nel Mondiale Superbike la sua rimane comuque una prova maiuscola. Davanti a lui si sono inseriti anche Melandri, autore di una bella rimonta dopo un lungo alla Variante Bassa, e Joan Lascorz.

Sfortunato Sylvain Guintoli: il francese era considerato uno dei favoriti per la corsa alla vittoria, ma è stato costretto al ritiro dopo appena due giri. Haslam gli ha portato un attacco al limite al Tamburello, trascinando entrambi fuori pista e provocando la caduta del portacolori del Liberty Racing, la cui Ducati è stata poi centrata da Chaz Davie, che non ha potuto fare nulla per evitarla.

WSBK 2012, Domenica 1 aprile ,Imola, Gara 1, Classifica

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , superbike , piloti


Top