Sport

pubblicato il 31 marzo 2012

WSBK 2012, Superpole: Sykes davanti a tutti anche a Imola

Rifila quasi mezzo secondo a Guintoli. Più staccato Checa, Biaggi solo 5°

WSBK 2012, Superpole: Sykes davanti a tutti anche a Imola

Due gare e due pole position: è questo il bilancio di questo avvio di stagione del Mondiale Superbike per Tom Sykes. Per il portacolori della Kawasaki però questa è la prima Superpole vera e propria: in Australia, infatti non era andata in scena a causa della terribile tragedia di McIntyre.

Il pilota britannico ha saputo sfruttare al massimo il potenziale della sua ZX-10R ed è stato l'unico capace di infrangere il muro dell'1'47" in 1'46"748. Un tempo che gli ha consentito di staccare di quasi mezzo secondo il diretto inseguitore Sylvain Guintoli, che le ha provate tutte per batterlo con la sua Ducati del Liberty Racing.

Al di sotto delle aspettative invece la prova di Carlos Checa, che si è dovuto accontentare del terzo tempo, così come quella di Max Biaggi, che aprirà la seconda fila in quinta posizione. Tra i due principali contendenti al titolo si è inserita la BMW di Leon Haslam, con il britannico che ha piazzato la sua zampata ad un minuto dalla fine.

Sesto tempo per Jonathan Rea, vittima di un violento highside alla Villeneuve mentre era impegnato nel suo ultimo tentativo. Fortunatamente però, per il pilota della Honda non sembrano esserci state conseguenze. Chiudono la seconda fila Marco Melandri e Joan Lascorz.

Sfortunato Lorenzo Zanetti, che ha sfiorato l'ingresso in Superpole 3 alla seconda gara della carriera in Superbike: il portacolori del Team Pata si è arreso alla Kawasaki di Lascorz per appena 32 millesimi nella seconda mini sessione.

Insieme a lui è stato escluso anche l'altro italiano proveniente dalla Superstock 1000, ovvero Davide Giugliano. Il rivale del Team Althea invece non è riuscito neppure a mettere insieme un giro cronometrato nella Superpole 2, dopo che nel primo segmento aveva dimostrato di poter accedere a quello conclusivo: nella prima uscita ha fatto un "dritto" sulla sabbia e nella seconda è caduto alla Variante Alta.

Eliminati a sorpresa anche Jakub Smrz, che non è riuscito a dare seguito alla pole provvisoria di ieri, ed Eugene Laverty, parso più in difficoltà rispetto a questa mattina. Il ceco del Liberty Racing comunque si può consolare per aver superato la prima tagliola per appena pochi millesimi ai danni del compagno di squadra Maxime Berger.

Insieme a lui hanno subito detto addio alla caccia alla Superpole Niccolò Canepa, Leon Camier ed Ayrton Badovini, con il britannico della Suzuki che si è lamentato dell'eccessivo pattinamento della sua GSXR-1000.

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top