Sport

pubblicato il 26 marzo 2012

MotoGP 2012 Test Jerez: Rossi e Hayden fanno il punto

I test di Jerez sono positivi, la Ducati è sufficientemente competitiva

MotoGP 2012 Test Jerez: Rossi e Hayden fanno il punto
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2012 Test Jerez: Ducati - anteprima 1
  • MotoGP 2012 Test Jerez: Ducati - anteprima 2
  • MotoGP 2012 Test Jerez: Ducati - anteprima 3
  • MotoGP 2012 Test Jerez: Ducati - anteprima 4
  • MotoGP 2012 Test Jerez: Ducati - anteprima 5
  • MotoGP 2012 Test Jerez: Ducati - anteprima 6

La stagione 2012 della Ducati MotoGP sembra stia per aprirsi secondo auspici migliori di quelli dello scorso anno. Il "minicampionato" dei Test invernali è finito (con la scontata supremazia di Stoner) e da qui in avanti saranno solo le classifiche a fine gara a parlare. Il dato che è emerso durante i test di Jerez de la Frontera per la Ducati, è che la squadra bolognese pare abbia, se non trovato il bandolo della matassa, almeno imboccato la strada della giusta competitività.
Il responso dei cronometri di Jerez è infatti sufficientemente ottimistico, visto che sia Rossi sia Hayden hanno abbassato i propri tempi di venerdì, scendendo sotto il muro del 1.40 e avvicinando le posizioni di vertice. A Jerez, infatti, solo in due sono riusciti a girare sotto l’1,39, facendo capire che probabilmente anche quest’anno la lotta per il titolo sarà affare a due, ma il dato certo è che il terzo gradino del podio sarà terreno di conquista per moltissimi, visto che dietro a Stoner e Lorenzo tutti gli altri sono racchiusi in distacchi minimi.

ROSSI: SIAMO PRONTI PER LA PRIMA GARA
Il pilota di punta della Desmosedici GP12 si è dichiarato abbastanza soddisfatto del lavoro svolto e della nuova ciclistica: "Oggi è andata molto meglio di venerdì e io sono contento… siamo contenti. Purtroppo a "Sepang 2" avevamo seguito una messa a punto che andava in una direzione sbagliata, cosa che abbiamo un po’ pagato anche qui, venerdì, perché eravamo ripartiti da quegli assetti. Poi ci si è messa la pioggia, sabato, che ci ha fatto perdere un giorno intero, mentre oggi, finalmente, abbiamo lavorato bene tutto il giorno. Passo dopo passo abbiamo tirato fuori il nostro potenziale attuale: sono sesto, ho fatto 1’39.7 che è un buon tempo considerando che questa moto ha 6 o 7 giorni di vita, praticamente. Abbiamo modificato il set-up, prima dietro poi davanti e adesso entro di nuovo in curva abbastanza bene, riesco a piegare, posso "osare" un po’ di più. Quindi anche se sappiamo chiaramente che la strada è ancora lunga, guardando il distacco dai primi, possiamo dire di essere pronti per la prima gara".

HAYDEN: SONO QUASI IN FORMA
Per Nicky Hayden il risultato di Jerez è doppiamente positivo, in quanto questo è stato il primo vero test precampionato nel quale il pilota statunitense ha potuto guidare senza soffrire troppo per la spalla infortunatasi a Natale.
"E’ stato un giorno di lavoro molto, molto intenso. Abbiamo perso cosi tanto tempo a causa della mia spalla infortunata che, sintetizzando, si può dire che abbiamo dovuto concentrare un’intera stagione di test invernali in un unico fine settimana! Oggi abbiamo provato diverse cose sulla moto e ne abbiamo capite altre. Non sono entusiasta del mio tempo perché pensavo di andare un po’ più forte, ma nei curvoni veloci faccio ancora fatica. Abbiamo del lavoro da fare, è chiaro, ma adesso è tempo di pensare al Qatar. Non vedo l’ora che la stagione inizi perché in ogni caso dopo questa sessione mi sento decisamente meglio: sono quasi al cento per cento della forma e comincio a capire un po’ di più la moto. E’ arrivato il momento di mettere le carte sul tavolo e vedere a che punto siamo davvero".

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , motogp , pista , gare , autodromi , piloti , personaggi famosi


Top