Attualità e Mercato

pubblicato il 15 marzo 2012

Lo scandalo dei tagliandi della patente

Il Ministero dei Trasporti senza soldi: zero tagliandi del rinnovo delle patenti

Lo scandalo dei tagliandi della patente

La Circolare del ministero dei Trasporti numero 6878 del 9 marzo 2012 passerà alla storia: da qualche tempo, spiega, l’erogazione del servizio di postalizzazione dei tagliandi relativi al rinnovo di validità della patente di guida, all’annotazione sulla stessa dell’avvenuto cambio di residenza, nonché di comunicazione dell’avvenuta decurtazione di punteggio, è sospeso a causa dell’indisponibilità delle necessarie risorse finanziarie. Ossia, manca il denaro per inviare a casa degli italiani il tagliandino apposito da appiccicare sulla licenza.

Fra i vari disagi, quelli per chi deve andare all’estero e ha la patente priva del tagliandino che testimonia il rinnovo: non può guidare un veicolo fuori dall’Italia. Soluzione: effettuare un duplicato della patente a proprie spese.

Complimenti vivissimi a tutti i politici che in questi anni hanno gestito la cosa pubblica, con particolare riferimento alle patenti e ai diritti di chi ha un veicolo: dopo migliaia di euro che ogni anno il motociclista e l’automobilista spende in tasse, si ritrova con questi servizi pietosi.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , bicilindriche , 1000 , 600 , curiosità , editoriale , assicurazione , bollo , patente


Top