Sport

pubblicato il 13 marzo 2012

Sardegna Rally Race 2012: nuovi iscritti

Dopo Despres, Coma, Rodrigues e molti altri "nomi"

Sardegna Rally Race 2012: nuovi iscritti
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 1
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 2
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 3
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 4
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 5
  • Sardegna Rally Race 2011 - anteprima 6

Torniamo a parlare del Sardegna Rally Race 2012. Quindici giorni fa vi abbiamo fornito il nome del primo iscritto, Cyril Despres, oggi registriamo nuovi "nomi" importanti. Iniziamo però con il dire che il SRR 2012 sta diventando sempre più importante, visto che non si farà né l'Estoril Marrakech, né il Rally di Tunisia (posticipato di un anno). Il rally sardo, dunque, diventa ancora più importante, ed avrà ancora più visibilità.

WORK IN PROGRESS
Giunto ormai alla quinta edizione, ed organizzato da Bike Village, questo rally è ancora un "work in progress". Tre tappe su cinque sono già pronte, e per le restanti due i "cantieri" sono aperti giorno e notte. Sommariamente, le tappe San Teodoro-San Teodoro, ad anello, la tappa marathon San Teodoro-Sa Itria (il cui culmine sarà ancora una volta l’affascinante bivacco del santuario), e la Sa Itria-Arbatax (che riporterà la carovana in riva al mare), avranno una lunghezza media di 300 chilometri, e due prove speciali ciascuna per uno sviluppo complessivo di non oltre 200 chilometri. Gli organizzatori assicurano che i tracciati sono per una buona percentuale mai battuti dal rally, e naturalmente i ricognitori sono andati a cercare i punti più nascosti e sconosciuti.

GLI AMATORI
Se il percorso è ancora "sotto i ferri", non si può dire la stessa cosa del regolamento per gli amatori. Formula, regole e montepremi, non sono certo difficili. Per partecipare al Challenge "San Teodoro", i piloti dovranno semplicemente iscriversi al Sardegna Rally Race Mondiale, ed inoltre non dovranno mai essere entrati nei primi 15 posti di una classifica di Campionato del Mondo o della Dakar, o superare i 50 anni. La classifica finale del Challenge, sarà estrapolata direttamente da quella del Mondiale. Il primo classificato vedrà come premio la restituzione della quota d’iscrizione, il secondo ed il terzo, invece, avranno una vacanza in omaggio per due persone a San Teodoro.

I CAMPIONISSIMI
Il "podio" della Dakar è già virtualmente ricostruito: Cyril Despres, Marc Coma e Helder Rodrigues saranno nuovamente pronti a sfidarsi l'un con l'altro, come è avvenuto negli ultimi grandi Rally. Si stai poi attendendo la conferma del ritorno "esclusivo" di Stephane Peterhansel. Ma oltre al veterano francese, il Team Husqvarna SpeedBrain ha attestato l’intenzione di schierare, accanto a Paulo Gonçalves, l’astro nascente e rivelazione della Dakar, Joan Barreda Bort. Tra gli italiani, si registrano le adesioni di Camelia Liparoti e dei piloti del neonato Team Bordone-Ferrari (hanno in programma hanno l’intero Campionato del Mondo).

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport


Top