Eventi

pubblicato il 9 marzo 2012

AlterEgo V-Spring a Motodays 2012

Il costruttore romano è pronto per raggiungere il mercato

AlterEgo V-Spring a Motodays 2012
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • AlterEgo V-Spring a Motodays 2012 - anteprima 1
  • AlterEgo V-Spring a Motodays 2012 - anteprima 2
  • AlterEgo V-Spring a Motodays 2012 - anteprima 3
  • AlterEgo V-Spring a Motodays 2012 - anteprima 4
  • AlterEgo V-Spring a Motodays 2012 - anteprima 5
  • AlterEgo V-Spring a Motodays 2012 - anteprima 6

A Motodays 2012 non poteva mancare la Alter Ego, piccola factory romana che da alcuni anni sta sviluppando un innovativo sistema di sospensione anteriore dotato di singola molla esterna anziché due molle all’interno degli steli.
Chi scrive ha avuto in passato la fortuna di essere il primo giornalista a provare questa sospensione rivoluzionaria, che ha dalla sua degli innegabili benefici nella guidabilità del mezzo.
La AlterEgo è poi passata dal progetto della sospensione anteriore alla realizzazione di una moto completa che la adottasse e sta ultimando ora le procedure di omologazione per giungere alla importante fase di commercializzazione.

V-SPRING
La moto si chiama V-Spring e viene realizzata partendo dalla base tecnica della Suzuki V-Strom 650, apprezzata per le sue ottime doti ciclistiche.
La motocicletta viene completamente stravolta nel suo DNA, diventando una vera e propria tourer, caratterizzata da un design sobrio, classicheggiante ed elegante, che vuole indirizzarsi ad un cliente raffinato, in cerca di un prodotto che esca dai canoni costruttivi odierni.
Per la moto sono già previsti vari allestimenti, tra cui GT, Sport e Sport-Touring in modo da poter essere declinata secondo le aspettative del cliente.
Il serbatoio è realizzato in alluminio, scelta voluta dalla AlterEgo per caratterizzare in via qualitativa la motocicletta, rispetto ai banali serbatoi odierni in materiale plastico.
All’estemità posteriore della moto, sopra il silenziatore di scarico della Arrow, campeggia la base portapacchi più classica dell’intero panorama motociclistico moderno. Alexander ha desiderato ricordare la sua appartenenza al mondo musicale, utilizzando per la piastra che può accogliere il bauletto posteriore, lo stesso legno di acero balcanico marezzato con cui produce i suoi preziosi violoncelli. La verniciatura è però di origine navale resistente agli UV, acqua e abrasioni.

Soluzioni tecniche innovative, design pulito e richiami vintage sono miscelati con equilibrio dalla AlterEgo con la collaborazione di uno dei più apprezzati stilisti italiani, Oberdan Bezzi. Il risultato è inequivocabilmente positivo, per ora abbiamo potuto solamente sederci sulla moto, in modo da apprezzarne comunque la comodità e l’ergonomia azzeccata per un prodotto Touring, ma abbiamo già chiesto ad Alexander Hohenegger, titolare dell’azienda, di provare al più presto la moto per dare un giudizio più concreto.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Eventi , bicilindriche , 600 , special , curiosità , tecnica , personaggi , tecnologia , concept , motodays 2012


Top