Sport

pubblicato il 6 marzo 2012

Rally di Tunisia 2012: si posticipa di un anno

Quest'anno salta una corsa storica. La colpa è della crisi...

Rally di Tunisia 2012: si posticipa di un anno
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Rally Tunisia 2011 - Pria Tappa - anteprima 1
  • Rally Tunisia 2011 - Pria Tappa - anteprima 2
  • Rally Tunisia 2011 - Pria Tappa - anteprima 3
  • Rally Tunisia 2011 - Pria Tappa - anteprima 4
  • Rally Tunisia 2011 - Pria Tappa - anteprima 5
  • Rally Tunisia 2011 - Pria Tappa - anteprima 6

Ecco una notizia che non farà certo piacere agli enduristi e agli appassionati di rally. L'International Rally of Tunisia, quest'anno, non si farà. La decisione è stata presa dal N.A.C.T. (National Automobile Club of Tunisia) e dal suo Presidente, Chadly Zouiten, con il supporto della FTM (National Motorcylcle Federation) ed il suo rispettivo Presidente, Nejib Lajmi.

Questa notizia, non certo bella per il World Cup Cross Country, non farà certo piacere nemmeno ai piloti. L'anno scorso fu Helder Rodrigues su Yamaha WR450F a vincere la sei giorni di gara, seguito dal polacco Jakub Przygonsky su KTM e Jacek Czachor, anch'egli su una moto della Casa di Mattighofen.

Del resto, il Rally di Tunisia può vantare qualcosa come trent'anni di esistenza, e sapere che si fermerà, non è certo bello. Il motivo di questo stop, è la solita crisi economica che sta interessando tutto il mondo, ed è per questo che gli organizzatori hanno deciso di posticipare di un anno, in modo da offrire più qualità, per un rally che si è sempre distinto come uno dei più professionali. Tra l'altro, nel 2013, si celebrerà anche il centenario della nascita del N.A.C.T. Il rally si sarebbe tenuto tra l'8 ed il 13 maggio, un tempo troppo breve per offrire il massimo ai piloti e agli equipaggi.

Questa la dichiarazione di Chadly Zouiten, Presidente del N.A.C.T.: "Stiamo affrontando un vero dilemma: la ragione che ha la meglio sulla passione. Il nostro desiderio per organizzare il rally quest'anno è più che certo, e la passione per questa gara è spropositata. Ma dopo aver pensato profondamente e aver analizzato il tutto, dobbiamo essere realisti. Non abbiamo abbastanza tempo per concentrare le nostre forze e racimolare il giusto budget per sostenere un evento importante come il Rally di Tunisia. Questa è una gara internazionale, e tutti si aspettano il massimo. Non ha senso fornire loro un rally di seconda categoria e organizzato male. Siamo così costretti a posticipare al 2013, quando offriremo un evento meraviglioso e ben organizzato. Quest'anno ha prevalso la ragione, e nel 2013 torneremo con la 31° edizione dell'International Rally of Tunisia, che sarà al top, sia per il nostro Paese che per i nostri competitors!".

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , enduro , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , rally


Top