Curiosità

pubblicato il 28 febbraio 2012

Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri

Un team di piloti cercherà di stabilire il nuovo record del mondo

Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri - anteprima 1
  • Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri - anteprima 2
  • Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri - anteprima 3
  • Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri - anteprima 4
  • Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri - anteprima 5
  • Husaberg: in moto sulle Ande a 6.300 metri - anteprima 6

Un team di piloti per stabilire il nuovo World Guinness Record per l’altezza massima mai raggiunta in moto. Walter Colebatch, Lukas Matzinger e Barton Churchill tenteranno di scalare il vulcano più alto del mondo, l’Ojos del Salado, in Cile, il prossimo mese a bordo di tre Husaberg FE 570s. L’attuale record mondiale appartiene ad un team indiano che, nel 2008, è riuscito a salire fino a 6.245 metri. La strada verso il record prevede la risalita di ripidi pendii fatti di depositi di cenere, banchi di neve, ghiacciai e detriti. L'Andes Moto Extreme (cosi si chiama il gruppo) ha pianificato questo viaggio da oltre un anno, ed i piloti si sono allenati per quasi due mesi tra le Alpi e gli Stati Uniti.

SFIDA ALLA NATURA
La sfida più difficile sarà la lotta contro gli effetti dell’alta quota, come spiega Barton Churchill: "A 6.250 metri l'atmosfera ha solo il 47% di ossigeno. A metà di questa quota gli effetti fisiologici della quota possono iniziare a farsi sentire". Il mal di montagna acuto (AMS) può iniziare a farsi sentire già dai 3.000 metri. I sintomi comprendono mal di testa, nausea, vertigini e disturbi del sonno. Nonostante il team assumerà dei farmaci per contrastare questi sintomi e per adattarsi meglio alla quota, il piano è quello di salire il più lentamente possibile e scendere appena i sintomi cominceranno a manifestarsi, per evitare lo sviluppo di condizioni più gravi associate all’AMS come l’edema celebrale o quello polmonare, cioè l’accumulo di liquido nei polmoni o nel cervello. Oltre all’allenamento e ai farmaci, il "team della Ande" ha prestato particolare attenzione ai materiali che li accompagneranno nella spedizione. "Chiunque abbia guidato sopra i 4.000 metri conosce i problemi che si possono avere con i carburanti. Le moto hanno meno potenza e c’è sempre il pericolo di "ghiacciare" il carburante stesso" spiega Colebatch.

I MAGGIORI PRODUTTORI DEL MONDO AL SERVIZIO DEL TEAM
La FE 570s è la moto ideale per questo tipo di imprese sostengono i tre. Grazie al suo peso ridotto (114kg) e ai suoi 60CV si distingue da qualsiasi altra alternativa. Ovviamente tutta l’attrezzatura sarà studiata appositamente per l’impresa. I piloti indosseranno una tuta particolare, completa e impermealizzata, e le moto saranno attrezzate con gomme specifiche Golden Tyre GT216. Innumerevoli modifiche sono state apportate sui mezzi per garantire il massimo delle prestazioni e dell’affidabilità dai migliori produttori di componenti del mondo del motociclismo d'avventura e l'alpinismo, tra cui Trail Tech, Enduro Star, G2 Ergonomics, Blue Ridge Racing, Renazco Racing, Rayz, BulletProof Designs, Profill Filters, CV4 hoses, Highway Dirtbikes, Haan Wheels, Scheffelmeier Metall, BRC e molti altri ancora. I progressi del team potranno essere seguiti tramite il sito AndesMotoExtreme oppure tramite la pagina Facebook, su cui sono visibili anche alcune foto delle moto e degli allenamenti.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , enduro , 600 , curiosità , varie , personaggi , fuoristrada , piloti , personaggi famosi


Top