Sport

pubblicato il 24 febbraio 2012

WSBK 2012, Phillip Island Q1: Rea davanti a tutti

Sorprendono i nostri: Giugliano terzo, Biaggi quinto, Canepa sesto

WSBK 2012, Phillip Island Q1: Rea davanti a tutti
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • WSBK 2012 Phillip Island - Qualifiche - anteprima 1
  • WSBK 2012 Phillip Island - Qualifiche - anteprima 2
  • WSBK 2012 Phillip Island - Qualifiche - anteprima 3
  • WSBK 2012 Phillip Island - Qualifiche - anteprima 4
  • WSBK 2012 Phillip Island - Qualifiche - anteprima 5
  • WSBK 2012 Phillip Island - Qualifiche - anteprima 6

Finalmente ci siamo! Mentre noi italiani eravamo mollemente sotto le coperte, a era già in pieno svolgimento la prima giornata di prove di Qualifica per la gara inaugurale del BMW.
Nelle libere del mattino Carlos Checa aveva girato subito molto veloce, siglando 1'31"973, davanti a Max Biaggi in 1'32"161. Già dal mattino, poi, Jacub Smrz confermava il suo feeling con il tracciato australiano conquistando il terzo posto davanti a Tom Sykes, che è anche scivolato al tornantino Honda.
Per quanto riguarda gli infortunati: Eugene Laverty ha iniziato a girare al mattino, mentre Leon Haslam si è risparmiato per il pomeriggio.

Q1: ECCO REA, MA LA RIVELAZIONE E’ GIUGLIANO
E veniamo alle prove di qualifica tenutesi oggi pomeriggio a Phillip Island: velocissima la Honda di Jonathan Rea che sul dritto stacca tutte le avversarie di ben 10 km/h, e ferma il cronometro a 1'31"959 davanti a un gruppone di tre Ducati capitanate da Jakub Smrz, di nuovo molto incisivo in prova, seguito dalla vera rivelazione di oggi: Davide Giugliano, il rookie del 2012 (e già Campione FIM Superstock 2011) ha stampato un terzo crono di 1’32"198, davanti al compagno di squadra Carlos Checa.

Giugliano sembra stia gradendo particolarmente la pista di Phillip Island, visto che ogni volta che entra in pista abbassa i suoi tempi e oggi è stato anche leader di classifica per alcuni giri. In particolare bisogna rilevare che Davide è stato l’unico oggi pomeriggio a migliorare i tempi fatti segnare nei test precampionato dei giorni scorsi, mentre tutti gli altri piloti di vertice hanno girato più lenti di martedì scorso.

Quinto tempo per Max Biaggi davanti a un’altra bella notizia tutta italiana: Niccolò Canepa ha portato la sua Ducati privata al sesto posto davanti a fior fior di moto ufficiali.
Dietro di lui troviamo infatti la coppia delle Kawasaki di Sykes e Lascorz con il primo decisamente più lento rispetto ai test. Seguono in nona e decima posizione altri due italiani: Marco Melandri e Michel Fabrizio entrambe in sella alle BMW delle squadre tedesca e italiana.
Undicesimo Guintoli dodicesimo Camier e tredicesimo posto per l’esordiente Chaz Davies con l’Aprilia ParkinGo.
Un po’ attardati Ayrton Badovini e Lorenzo Zanetti, in 18esima e 19esima posizione, mentre l’ultimo italiano in gara è l’altrettanto esordiente Raffaele De rosa ultimo a tre secondi dalla vetta.

E veniamo al minigp degli infortunati: sia Leon Haslam che Eugene Laverty hanno lottato contro il dolore percorrendo solo tre giri, classificandosi comunque per la gara in 21esima e 22esima posizione. Laverty è anche caduto nuovamente, ma senza conseguenze.
Restate con noi, tra pochissimo tutte le immagini e le interviste in arrivo da Phillip Island.

I TEMPI:Phillip Island 2012: Q1

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , pista , superbike , gare , autodromi , piloti , personaggi famosi


Top