Attualità e Mercato

pubblicato il 9 febbraio 2012

Roma: dopo la neve, occhio alle buche!

Passata l'emergenza neve, ora c'è quella dell'asfalto...

Roma: dopo la neve, occhio alle buche!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Buche a Roma 2012 - anteprima 1
  • Buche a Roma 2012 - anteprima 2
  • Buche a Roma 2012 - anteprima 3
  • Buche a Roma 2012 - anteprima 4
  • Buche a Roma 2012 - anteprima 5
  • Buche a Roma 2012 - anteprima 6

Andiamo per punti, e anzi, facciamo una premessa: Roma, Capitale d’Italia, non è certo "abituata"a temperature sotto lo zero, al ghiaccio sulla strada o alla neve. Non c’è da stupirsi dunque, se per qualche centimetro di neve caduto ed accumulatosi sul terreno, come è avvenuto nella notte tra venerdì 3 febbraio e sabato 4 febbraio, la città sia andata in crisi e nel panico.

Incidenti tra auto, cadute per moto e scooter, pedoni che scivolano sui marciapiedi ghiacciati… se non sono viste di ogni. Poco ma sicuro, il Comune avrebbe dovuto quantomeno spargere del sale sulle strade, visto l’allarme dato dai meteorologi nei giorni precedenti, ma pare che Sindaco e Protezione Civile… non si siano "capiti".

Questa la testimonianza di due dottori del Policlinico Umberto I di Roma di turno tra la notte di venerdì 3 e sabato 4 febbraio che ringraziamo per la disponibilità (Dott. Stefano Bettazzi - Pronto Soccorso, e Dott.ssa Maria Cristina Magnotti - Chirurgia Maxillo-Facciale): "Fortunatamente non è andata male, ci aspettavamo molto peggio visto le condizioni delle strade. Nella giornata di sabato abbiamo ricoverato solo due persone, un automobilista ed un motociclista. Il primo in Maxillo-Facciale, ed il secondo in Ortopedia. Certo sono stati tanti i pazienti giunti al pronto soccorso per cadute o scivolate sul ghiaccio con moto e scooter, ma tutti traumi di lieve entità e niente fratture".

Andiamo avanti. Alemanno decide per le catene a bordo sulle auto ed il blocco per moto e scooter nella giornata del 6 febbraio. In molti punti di Roma non è difficile vedere auto con catene montate su asfalto… semplicemente bagnato. Pochi, i controlli delle Forze dell’Ordine.

BUCHE. FACCIAMO ATTENZIONE!
Veniamo all’oggi. Se già la Capitale aveva un manto stradale simile a quello di un colapasta prima della nevicata, con asfalti crepati, buche… (e a questo ci aggiungiamo gli inutili quanto pericolosi "sampietrini" N.d.R.), ora la situazione è ancora peggio. Il ghiaccio e la neve hanno spaccato ulteriormente l’asfalto, e le auto che hanno circolato con le catene sull’asfalto bagnato hanno fatto il resto.

E allora i centauri sono costretti a fare lo slalom gigante tra voragini, "pozzanghere di brecciolino", residui di ghiaccio e neve, e qualche rimasuglio di albero lasciato sull’asfalto a "dar colore" al grigiume dei bitume!

METTIAMOCI UNA "TOPPA"!
La situazione non è certo piacevole per noi utenti delle due ruote. Le buche e gli asfalti a pezzi, di rado sono segnalati con cartelli stradali, e spesso i lavori per la riparazione delle strade sono fatti… "con i piedi". E’ pieno di "toppe", con bitume a presa rapida per l’asfalto che talvolta non viene magari nemmeno battuto, o che in ogni caso, con un semplice acquazzone, tornarnano come o peggio di prima, per la felicità dell’aziende che hanno l’appalto per la manutenzione delle strade. Non parliamo poi dei cordoli stradali per delimitare le corsie preferenziali di taxi e autobus, spaccati o magari con bulloni lenti; se perfettamente installati già risultano pericolosi, ora, passarci sopra è come giocare alla roulette russa.

C’E’ BISOGNO DI… SOLDI
Nel migliore dei casi, se si finisce in una di queste profonde "spaccature", si buca una gomma o si piega un cerchio, nel peggiore dei casi, si finisce a terra con tutte le conseguenze del caso. Fioccano e fioccheranno, non solo… fiocchi di neve, ma anche le cause al Comune di Roma. E cosa succederà? Che probabilmente il Comune di Roma potrebbe decidere di aumentare i controlli e fare più multe per fare cassa. Queste naturalmente sono solo supposizioni, lungi dal pensar male. Un cane che si morde la coda… anche se ovviamente è sottointeso che tutti dovremmo essere a posto con i nostri mezzi e rispettare il Codice della Strada.

SERIE A E… SERIE B
Intanto, vi proponiamo una selezione di "buche", chiediamo scusa, foto, scattate in giro per la Capitale questa mattina (semplicemente il percorso "casa-lavoro" dell’autore dell’articolo, per un totale di circa 13 Km N.d.R.), facendovi soffermare anche su altro. Esistono zone di Serie A, e di Serie B. Alcuni quartieri più "centrali" e dunque vicini al centro storico, sono sicuramente più oggetto delle attenzioni del Comune, mentre quelli più periferici e popolari, vivono più una situazione di abbandono. C’è poco da fare, anche su questo, è meglio nascere e vivere in condizioni più… agiate!

CI RISIAMO: ALLERTA METEO
Passato, presente e ora analizziamo il futuro. Tra venerdì 10 e sabato 11 febbraio, è prevista un’altra nevicata. "Sbagliando si impara", dice il detto, ed ecco che il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, prova a correre ai ripari. Divieto di circolazione per i veicoli che non montano gomme termiche o privi di catene a bordo, e stop a moto e scooter dalle ore 6:00 di venerdì 10 febbraio, alle ore 24 di sabato 11. Questa volta lo spargeranno il sale? Misteri… come lo scioglimento del sale stesso.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Attualità e Mercato , strada , varie , codice della strada , editoriale , inverno2011


Top