Curiosità

pubblicato il 7 febbraio 2012

Yamaha YZF600R... elettrica!

Il progetto di due studenti della Purdue University

Yamaha YZF600R... elettrica!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha YZF600R elettrica - Purdue University - anteprima 1
  • Yamaha YZF600R elettrica - Purdue University - anteprima 2
  • Yamaha YZF600R elettrica - Purdue University - anteprima 3
  • Yamaha YZF600R elettrica - Purdue University - anteprima 4
  • Yamaha YZF600R elettrica - Purdue University - anteprima 5
  • Yamaha YZF600R elettrica - Purdue University - anteprima 6

Vi ricordate la Yamaha YZF600R, meglio nota come Thundercat? Era una moto sportiva che arrivò sul mercato nel 1994, e ci rimase fino al 2007, quando arrivò sua maestà YZF-R6. Uno degli studenti della Purdue University (università statunitense famosa per le ricerche in scienze, tecnologia e molto altro N.d.R.) evidentemente ne aveva una in garage, e ha pensato di trasformarla in un mezzo a propulsione elettrica capace di oltre 120 mph di velocità (193 Km/h circa) e di un’autonomia di oltre 120 miglia (193 Km circa).

Oramai è più che una moda, è più che una semplice dimostrazione di dove è arrivata la tecnologia. L’elettrico sta entrando di prepotenza nella nostra vita, e presto sulle strade vedremo sempre più auto, e moto con questa propulsione. Ecco che dunque, non solo le aziende investono, ma anche piccoli ricercatori ci mettono del loro, proponendo progetti interessanti e spesso e volentieri… funzionanti!

E’ il caso di due studenti, Sean Kleinschmidt e Jim Danielson, che già nel 2009 hanno trasformato una Porsche 924S del 1987… in elettrica! Purtroppo però le prestazioni non erano il suo forte, con 88,5 Km/h di velocità massima ed un’autonomia di appena 80,5 Km, poco per un’auto sportiva. Ecco dunque l’idea di metter mano su questa Yamaha, in loro possesso dal 2000. Via motore e trasmissione dunque, per fare spazio al pacco batterie, al propulsore elettrico e ai vari componenti. Il motore termico, è stato poi venduto per recuperare fondi!

Grazie all’aiuto della Delphi Corporation e della AllCell, i due sono riusciti a portare avanti il progetto. Soprattutto grazie a quest’ultima corporate, gli studenti sono riusciti a "proteggere" da un eccessivo surriscaldamento il pacco batterie, fattore importantissimo per assicurare prestazioni ed affidabilità ai vari moduli di cui la batteria è formata.

Questa, una Battery Management System fornita dalla Linear Technologies, è in grado di sviluppare 72 Kw di potenza, e circa 100 CV. Grazie a questo progetto, i due ragazzi sono entrati a lavorare in grossi piani di lavoro. Kleinschmidt sta lavorando ad una bicicletta elettrica con la Purdue's Andrew Westrick e la Tony Coiro, per la Clean Energy Trust 2012 challenge, mentre Danielson è stato inglobato in un progetto di ricerca per un nuovo motore elettrico per la Thiel Fellowship.

Foto: gizmag.com

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Curiosità , strada , curiosità , varie , tecnologia , automatiche , emissioni zero


Top