Test

pubblicato il 26 gennaio 2012

L'impianto frenante dalla strada alla pista - Quarto step

I cerchi Marchesini forgiati in magnesio

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Luca Scassa in pista a Franciacorta con Yamaha YZF-R6 - anteprima 1
  • Luca Scassa in pista a Franciacorta con Yamaha YZF-R6 - anteprima 2
  • Luca Scassa in pista a Franciacorta con Yamaha YZF-R6 - anteprima 3
  • Luca Scassa in pista a Franciacorta con Yamaha YZF-R6 - anteprima 4
  • Luca Scassa in pista a Franciacorta con Yamaha YZF-R6 - anteprima 5
  • Luca Scassa in pista a Franciacorta con Yamaha YZF-R6 - anteprima 6

Raggiunto l’apice per quanto riguarda le prestazioni dell’impianto frenante, abbiamo pensato di farvi vedere come sia possibile spingersi ancora più in là nella elaborazione di una moto da usare in pista, sempre senza intervenire sulla potenza erogata dal motore. Abbiamo battuto la strada dell’alleggerimento delle masse non sospese, montando una coppia di ruote in magnesio della Marchesini.

PERCHE' I CERCHI IN MAGNESIO
Il motivo di questa modifica è molto semplice: le ruote, insieme ai pneumatici, sono le masse non sospese in rotazione più importanti di una motocicletta. Ciò significa che il loro peso influenza moltissimo l’accelerazione della moto, perchè la coppia erogata dal motore deve accelerare queste masse e riducendole è possibile migliorare l’accelerazione della moto. Un altro beneficio che arriva dalle ruote in magnesio è il miglioramento della maneggevolezza, perchè viene ridotto l’effetto giroscopico e la moto cambierà direzione più facilmente. Il terzo vantaggio che si ottiene montando i cerchi in magnesio è, ancora una volta in staccata, perchè i freni dovranno agire su un peso inferiore.

MARCHESINI PER YAMAHA YZF-R6
Sulla nostra Yamaha R6 abbiamo montato dei cerchi Marchesini in magnesio forgiato a cinque razze ad Y, cosi’ conformate per offrire la massima robustezza insieme ad un peso molto basso. In più, il vantaggio che deriva dal fatto che la ruota sia forgiata e non fusa, è nella maggior continuità delle fibre della lega metallica, il che migliora le caratteristiche meccaniche di resistenza, permettendo di alleggerire maggiormente il cerchio, ottenendo caratteristiche dinamiche ancora superiori.

Come potete sentire dalla viva voce di Luca Scassa ai nostri microfoni, la nostra R6 in pista è diventata più veloce in percorrenza di curva, più leggera nei cambi di direzione e non ha perso nulla in stabilità sul veloce. Girando a Franciacorta Luca è riuscito a tenere traiettorie più strette con maggior facilità e ha incontrato anche ulteriori vantaggi in frenata grazie alle minori masse volaniche.

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Cerchi Marchesini forgiati in magnesio - anteprima 1
  • Cerchi Marchesini forgiati in magnesio - anteprima 2
  • Cerchi Marchesini forgiati in magnesio - anteprima 3
  • Cerchi Marchesini forgiati in magnesio - anteprima 4
  • Cerchi Marchesini forgiati in magnesio - anteprima 5
  • Cerchi Marchesini forgiati in magnesio - anteprima 6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • In pista con Brembo - I componenti del Test - anteprima 1
  • In pista con Brembo - I componenti del Test - anteprima 2
  • In pista con Brembo - I componenti del Test - anteprima 3
  • In pista con Brembo - I componenti del Test - anteprima 4
  • In pista con Brembo - I componenti del Test - anteprima 5
  • In pista con Brembo - I componenti del Test - anteprima 6

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Test , 1000 , 600 , supersport , tuning , accessori , pista , test , tecnica , gare , tecnologia , autodromi , piloti , freni , prove


Top