Eventi

pubblicato il 24 gennaio 2012

Motor Bike Expo 2012: presentati il Merzouga Rally e il Rally-Lite Desert Series

Edo Mossi ripropone il rally marocchino e lancia una nuova serie

Motor Bike Expo 2012: presentati il Merzouga Rally e il Rally-Lite Desert Series
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Merzouga Rally e il Rally-Lite Desert Series 2012 - anteprima 1
  • Merzouga Rally e il Rally-Lite Desert Series 2012 - anteprima 2
  • Merzouga Rally e il Rally-Lite Desert Series 2012 - anteprima 3

L’Africa esercita ancora tutto il suo fascino sugli appassionati di enduro e rally, che sempre di più chiedono a gran voce di poter tornare a solcare quei territori con una gara entusiasmante e navigata che ricordi, almeno in parte, i fasti della grande Parigi-Dakar di cui è ormai definitivamente orfana. Su queste premesse il dakariano Edo Mossi, piemontese trapiantato a Marrakech, ha sviluppato negli ultimi anni il progetto Merzouga Rally, una gara di deserto vero con sviluppo a margherita che si tiene verso metà novembre in Marocco.

SI RINNOVA L’APPUNTAMENTO A MERZOUGA
Proprio in occasione del Motor Bike Expo 2012 il centauro-organizzatore ha presentato la rinnovata formula del rally, che basa il suo successo su dei principi semplici quanto efficaci: tappe impegnative ma affrontabili, costi di accesso contenuti e sicurezza senza risparmio di risorse. Il percorso si sviluppa a margherita a partire da un unico campo base, dove vengono ospitati tutti i partecipanti e le assistenze senza necessità di onerosi ed impegnativi trasferimenti. Il tutto è definito e coordinato con il supporto dell’esperto Gabriele Mei, anche lui ex dakariano e personaggio di lunga esperienza internazionale. Il costo di iscrizione è nettamente minore dei rally più famosi, dato che ammonta a poco più di 1.000 euro per pilota, e la sicurezza è un vero chiodo fisso dell’organizzazione: pick up medicalizzati, medici ad ogni check point, un elicottero medicalizzato a disposizione esclusiva dei partecipanti in caso di incidente e sistemi di tracciamento e monitoraggio dei concorrenti in tempo reale, gli stessi in dotazione ai piloti della Dakar.
Scopo del rally è proprio quello di rappresentare un’occasione di avvicinamento alle gare desertiche per chi non ci si è mai cimentato, ma anche di allenamento vero per i piloti blasonati, tanto che nell’ultima edizione svolta molti nomi illustri come Giò Sala o i piloti del Team Bordone e Ferrari (Ceci, Villadoms e Botturi) oltre al vincitore Jakub Przygonski.

MONTEPREMI PER IL VINCITORE E SUPPORTO PER I "NOVELLINI"
Molta attenzione viene posta anche all’aspetto economico, sia nella valorizzazione dei vincitori sia nel sostegno ai privati appassionati. Contrariamente alla maggior parte dei rally, anche mondiali, per il Merzouga l’organizzazione ha scelto di mettere in palio un montepremi oltre a prevedere la fornitura di un kit di montaggio roadbook e strumentazione incluso nel prezzo di iscrizione. Quest’ultima iniziativa ha lo scopo di favorire coloro che vogliono avvicinarsi ai rally con un budget contenuto ma anche quello di fornire un’attrezzatura tecnica solida e ben strutturata che garantisca, ancora una volta, la sicurezza del partecipante.

LA RALLY-LITE DESERT SERIES
Dai successi delle ultime edizioni del Merzouga Rally e dalle richieste di appassionati e partecipanti è nata l’idea di creare un mini campionato composto di tre gare, di cui due in africa e una in Europa. Le tappe sicure per ora sono il Merzouga Rally e l’X Rally di Marrakech, mentre per la tappa europea si parla di una joint venture con una tappa del Campionato Italiano, ipotesi ancora in fase di studio. Questo mini campionato vivrà di costi di iscrizione molto contenuti (meno di 2.500 € per tutti e tre i rally) e di nuovo un montepremi di 10.000 €.

Autore: Federico Tondelli

Tag: Eventi , enduro , curiosità , anticipazioni , personaggi , gare , fuoristrada , dakar , piloti , motor bike expo , rally , motor bike expo 2012


Top