Sport

pubblicato il 12 gennaio 2012

Dakar 2012: undicesima tappa a Despres

Secondo Farres Guall e terzo Coma

Dakar 2012: undicesima tappa a Despres
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 1
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 2
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 3
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 4
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 5
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 6

Ci avviciniamo sempre di più verso la fine della Dakar 2012. Quella appena terminata era l’undicesima tappa, stage che ha visto l’esordio del Perù, Stato dove si concluderà la gara quest’anno (a Lima per la precisione). 109 le moto partite dal bivacco di Arica alle 4:00 ora locale, per affrontare un primo trasferimento, effettuare la prima parte di speciale, fare un ulteriore trasferimento, ed infine terminare con la seconda parte di speciale. 171 chilometri di link stage e 534 chilometri di speciale, il totale di quest’oggi.

Naturalmente gli occhi erano puntati su Cyril Despres e Marc Coma, a soli 21 secondi di distacco al momento della partenza. Ma il primo a lasciare il bivacco è stato però il vincitore della tappa di ieri, Juan Barreda Bort.

Il pilota Husqvarna ha iniziato la speciale alle 5:40 ora locale, con alle spalle i due piloti KTM, ma tutti e tre si sono persi al 40° chilometro! Una trappola costata carissima, e non solo a loro, perché qualche minuto dopo anche Ruben Faria (20 Km dopo l’inizio della speciale) ha commesso un errore di navigazione che gli ha fatto perdere ben 35 minuti. Stessa sorte, nel medesimo punto del portoghese, anche per i fratelli Patronelli. Il primo a raggiungere il WP1 è stato dunque lo spagnolo Gerard Farres Guell, seguito ad una distanza di 9 secondi Johnny Aubert. Terzo, il norvegese Pal Ullevalseter a 52".

Al WP2 è stato sempre Farres Guell a passare per primo, seguito da Aubert, e dal brasiliano Felipe Zanol. Ma il terzetto di campioni che ha sbagliato la navigazione un’ora prima, ha iniziato a recuperare, con Cyril Despres addirittura quarto a 2’03", Marc Coma 10° e Juan Barreda Bort 16°. Un buon passo anche quello del nostro Alessandro Botturi, settimo a 3’21". Al WP3, dopo appena 15 chilometri la situazione era praticamente simile, mentre al WP4, nonostante Farres Guell fosse sempre al comando, con alle sue spalle Johnny Aubert, Despres si avvicinava, con un tempo di 1’15". Incredibile poi il recupero di Marc Coma, quantificabile in circa un minuto in appena 27 chilometri! Da segnalare al 118° Km, uno stop nelle dune per Olivier Pain, che ha perso diversi minuti. Un rifornimento veloce ed i piloti si sono spostati su asfalto per raggiungere la seconda parte della speciale.

Al WP5 i piloti sono ripartiti, ed il primo a raggiungere il WP6 è stato Cyril Despres, che ha messo tutti in riga. Dietro di lui Gerard Farres Guall, con un ritardo di 9 secondi, e terzo Johnny Aubert (1’11"). In gran recupero anche Marc Coma, quarto a 1’48". Ma Farres Guall non ha mollato, perché al WP7 si è avvicinato a Despres (sempre primo), portando il distacco a sette secondi. Terzo Marc Coma a 1’50" e quarto Jordi Viladoms. In recupero anche Juan Barreda Bort, quinto a 4’17".

Il primo a far scattare la fotocellula al WP8 è stato nuovamente Cyril Despres, seguito da Gerard Farres Guall a 29 secondi e Marc Coma con un ritardo di 2’08" terzo. A vincere questa tappa è dunque Cyril Depres, in 4:03:37, seguito da Farres Guall a 1’39" (il suo miglior risultato alla Dakar 2012) e da Marc Coma a 2’01". In generale Despres stacca dunque lo spagnolo Marc Coma di 2’22", mentre Hélder Rodrigues si conferma al terzo posto in 1:08:40.

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , enduro , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , rally , dakar 2012


Top