Sport

pubblicato il 12 gennaio 2012

MotoGP 2012: dal Wrooom parla Ezpeleta

il boss della Dorna: "In futuro MotoGp da massimo 1 milione"

MotoGP 2012: dal Wrooom parla Ezpeleta

Nella giornata di ieri a Madonna di Campiglio si c’era anche Carmelo Ezpeleta, grande boss della Dorna, la società che muove i fili del Motomondiale. Anche lui ha fatto una breve capatina nella sala stampa del Wrooom, dando qualche spunto per il futuro della classe regina. Come ha già ribadito più volte, l'obiettivo principale sarà quello di ridurre i costi di leasing e di gestione dei prototipi, che hanno portato la MotoGP a diventare una campionato probabilmente troppo elitario.

"È una porta che si apre, perché per la sopravvivenza e per lo spettacolo servono due cose: la limitazione dello sviluppo tecnologico e la riduzione dei costi. Calcolate che il leasing di una Honda può costare ora tre milioni e seicentomila euro e che i team non riescono a raccogliere sponsor per più di due milioni" ha detto Ezpeleta parlando dell'arrivo delle CRT.

Lo spagnolo ha più volte proposto una passaggio definitivo a questi prototipi dotati di motore di derivazione stradale a partire dal 2013, ma sa che non sarà facile convincere le case. L'obiettivo comunque è di trovare una soluzione che riduca a circa 1 milione il costo delle moto.

"Non sarà facile, ma credo di avere l'esperienza necessaria per farli ragionare, perché è nel loro interesse. Potremmo decidere di vietare i leasing, perché i team non possono più permetterseli e fissare un tetto limite di un milione di euro a moto per chi vuole correre. In più nessuno vieta a Honda, Yamaha e Ducati di fare le loro CRT e di venderne quante vogliono. Sono certo che possa essere un buon business anche per i costruttori" ha spiegato.

Un altro tema interessante è stato quello del bilanciamento delle prestazioni. Ed ecco quindi che si è parlato di zavorre, un tema che Ezpeleta aveva già provato ad affrontare anche in passato: "Potremmo anche decidere che quando una moto vince troppo, magari dopo tre gare, le diamo una zavorra di circa 3 kg, scoraggiando le case a fare investimenti folli. E potremmo anche decidere di congelare per tutti lo sviluppo dei motori per qualche stagione, come fanno anche in Formula 1".

Per capire come saranno i nuovi regolamenti comunque non dovremmo attendere molto, perché l'idea del manager iberico è quella di provare a definire una prima bozza entro maggio.

Foto: cortesia MotoGP.com

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport , motogp , gare , crt


Top