Sport

pubblicato il 11 gennaio 2012

Dakar 2012: penalità varie per la nona tappa

La speciale va dunque a Hélder Rodrigues

Dakar 2012: penalità varie per la nona tappa
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 1
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 2
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 3
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 4
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 5
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 6

Ancora Dakar 2012: il regolamento parla molto chiaro. Chi cambia un motore è sottoposto a 15 minuti di penalità, a cui ne vanno aggiunti 45 per il secondo, e addirittura due ore per il terzo propulsore. Giusto o sbagliato che sia, queste sono le regole. Certo fare 9.000 km con un monocilindrico "tirato", ed ai livelli dei primi dieci in classifica che non lesinano il gas, è quasi un’utopia, visto le sollecitazioni a cui sono sottoposti questi motori.

STAGE 9 A RODRIGUES
Protagonisti del… "cambio", Cyril Despres, attuale leader di classifica, Marc Coma, le due Husqvarna di Juan Barreda Bort e Paulo Goncalves, e la KTM di Pal Ullevalseter. 15 minuti per tutti che vanno aggiunti alla tappa di ieri, lo Stage 9, e che dunque vede cambiare la classifica, con la vittoria di Hélder Rodrigues in 5:16:17. Dietro di lui quindi, Cyril Despres che totalizza un ritardo di 3’16", mentre la terza posizione se la aggiudica lo slovacco Stefan Svitko, con un ritardo di 4’35".

La quarta posizione va quindi a Jordi Viladoms, seguito dall’olandese Frans Verhoeven e da Marc Coma che scivola in sesta posizione. 5 minuti di penalità anche per il nostro Alessandro Botturi, che chiude così 15°. Ma a subire i 15 minuti di penalità ci sono altri piloti, come Ruben Faria (KTM), Johnny Aubert (KTM), Jose Helio Rodrigues Filho (Husqvarna) ed altri ancora.

A cambiare i motori sono dunque KTM e Husqvarna. Questo non significa che siano motori più fragili però, ma sono sicuramente scelte dettate da una sicurezza di finire i prossimi stage senza problemi tecnici. Se gli altri motori dei piloti nella top5 però, con alle spalle attualmente quasi 5.000 km reggeranno tutta la gara, dimostreranno un’affidabilità superiore. Tra queste per ora c’è sicuramente Yamaha. Staremo a vedere. Intanto, mentre leggete questo, i piloti hanno già iniziato la speciale del 10° stage, ed al momento vi è al comando Marc Coma.

Dakar 2012: Landscape of the day - Stage 9 (Antofagasta - Iquique) - 2012/01/10

Dakar 2012: Landscape of the day - Stage 9 (Antofagasta - Iquique) - 2012/01/10

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , enduro , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , rally , dakar 2012


Top