Curiosità

pubblicato il 11 gennaio 2012

Senza patentino? Per il sorvegliato speciale è reato

Un sorvegliato speciale che guida senza patente subisce una condanna penale

Senza patentino? Per il sorvegliato speciale è reato

Altro che multa di 555 euro per guida senza patentino: se un sorvegliato speciale si mette in sella a un motorino senza licenza è pericoloso socialmente e commette reato. Lo ha sancito il Tribunale di Bari il 24 ottobre 2011, che ha esaminato il caso di un uomo sottoposto all’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza in forza del Decreto del Tribunale di Bari di sette anni fa. Nonostante questa restrizione, nel 2008 il soggetto circolava su un ciclomotore, affiancato da un pregiudicato. "Pizzicato" dai Carabinieri, i magistrati hanno stabilito che l’uomo mettesse in pericolo l’ordine pubblico, senza aver osservato la prescrizione di vivere onestamente e rispettare le regole (Legge numero 575 del 1965). Inoltre, ha infranto l’obbligo di non associarsi a persone che abbiano subito condanne o siano sottoposte a misure di prevenzione e sicurezza.

Per la precisione, l’uomo ha "violato le prescrizioni del citato decreto numero 4: ‘vivere onestamente, rispettare le leggi dello Stato e non dare ragione alcuna ai sospetti in ordine alla propria condotta’ e numero 5: ‘non associarsi a persone che abbiano subito condanne o siano sottoposte a misure di prevenzione e sicurezza’". Dall’illecito amministrativo, comunque grave (circolare senza patente) al reato perché il soggetto era un sorvegliato speciale.

Alla fine, il Tribunale lo ha condannato penalmente a un anno e mesi sei di reclusione, più le spese processuali. Un precedente interessante, tenendo conto che un veicolo può essere anche considerato un’arma in mano a un patentato; figuriamoci un motorino guidato da chi la patente non l’ha mai conseguita. La sentenza è più che condivisibile.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , curiosità , sicurezza , codice della strada , editoriale , patente , multe


Top