Sport

pubblicato il 2 gennaio 2012

Dakar 2012: tappa 2 a Coma

Secondo Despres, terzo a sorpresa Barreda Bort

Dakar 2012: tappa 2 a Coma
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 1
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 2
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 3
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 4
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 5
  • Dakar 2012: Pre-stage e partenza - anteprima 6

Sono partite stamane le 176 moto per questo secondo stage della Dakar 2012. Alle cinque della mattina ora locale, sulle coste della Laguna Don Tomas, il cileno dell’Aprilia Francisco "Chaleco" Lopez (vincitore della prima tappa) è stato il primo ad aprire la strada, seguito dalla KTM di Marc Coma e dalla Honda di Javier Pizzolito. Lo stage 2, da Santa Rosa de La Pampa a San Rafael, consisteva in un collegamento di 403 chilometri prima di approdare ai 290 chilometri della speciale, partita alle 10:30 del mattino ora locale.

La speciale, a qualche chilometro da La Humada, è iniziata con piste su spazi aperti e veloci, per poi diventare, dopo 170 chilometri circa, più difficile e rocciosa, e concludersi infine in una parte difficoltosa e accidentata prima di attraversare delle zone sabbiose nell’ultimo terzo che porta alla conclusione a Nuhuil.

Ruben Faria ha avuto subito problemi, il portoghese del Team Red Bull KTM ha perso diversi minuti durante la speciale, dopo circa quattro chilometri dall’inizio per ragioni sconosciute (forse un guasto alla moto). Dopo poco è rientrato ed ha continuato ad una velocità massima tra i 150 ed i 160 orari come le moto degli avversari di un certo livello. Tutto risolto per lui dunque.

Al primo Waypoint (WP1) è giunto Cyril Despres, in 51’48", seguito da Marc Coma (262 il ritardo) e Francisco "Chaleco" Lopez (48"). La situazione è poi cambiata per il WP2, dove il più veloce è risultato Coma con un tempo di 1.05’55", seguito a soli 8 secondi dal cileno "Chaleco" e dall’americano Quinn Cody su Honda (1’25" di ritardo). Dopo aver fatto rifornimento, i piloti hanno raggiunto il WP3, dove Coma ha mantenuto la leadership e Lopez è passato terzo, lasciando la seconda posizione a Despres (solo 16 i secondi di differenza tra i due). Solo il polacco Jakub Przygonki e l’argentino Pizzolito sono migliorati, saltando dalla 13esima posizione alla 8° il primo, e dalla 22esima alla 16° il secondo. Il penultimo Waypoint, il quarto (WP4), ha capovolto la situazione, visto che il primo è stato Cryil Despres, seguito da Marc Coma (142 di ritardo) e Francisco "Chaleco" Lopez (1’58" di ritardo).

A vincere lo Stage 2, è Marc Coma che chiude con un tempo di 3 ore 7’ e 21". Dietro di lui, Cyril Despres che registra un ritardo di 1’18", ed a sorpresa, sul terzo gradino del podio, sale l’Husqvarna del portoghese Joan Barreda Bort. Francisco "Chaleco" Lopez chiude appena quarto, con un ritardo di 2’44", seguito dal polacco Jakub Przygonki. La classifica vede al comando Coma, seguito da Lopez (2’30" di ritardo) e Despres (2’52" di ritardo). Domani lo Stage 3 partirà da San Rafael e raggiungerà San Juan.

Domani approfondiremo con interviste, foto e video questo Stage 2.
Stay tuned!

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Sport , enduro , personaggi , gare , fuoristrada , piloti , personaggi famosi , rally , dakar 2012


Top