Special e Elaborazioni

pubblicato il 28 dicembre 2011

Deus: una W650 Custom per Randy De Puniet

Commissionata dal pilota francese per usarla a Sidney

Deus: una W650 Custom per Randy De Puniet
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Randy De Puniet - Deus W650 Custom - anteprima 1
  • Randy De Puniet - Deus W650 Custom - anteprima 2
  • Randy De Puniet - Deus W650 Custom - anteprima 3
  • Randy De Puniet - Deus W650 Custom - anteprima 4
  • Randy De Puniet - Deus W650 Custom - anteprima 5
  • Randy De Puniet - Deus W650 Custom - anteprima 6

La stagione 2012 di Randy De Puniet vedrà il pilota francese non solo in sella ad una CRT del team di Jorge Martinez Aspar, ma anche felice possessore di una bella custom appositamente realizzata per lui dalla Deus. Il nome un po’ altisonante di "Deus ex Machina" identifica una azienda di customizzazioni australiana con sede a Sidney, specializzata nella costruzione di Special dal gusto un po’ retrò, un po’ Cafè Racer.
Da Puniet, che nel 2012 correrà con una CRT motorizzata Aprilia, ha commissionato alla Deus una custom stradale da poter utilizzare quotidianamente per le strade di Sidney.

La richiesta del pilota francese riguardava una moto di media cilindrata, sufficientemente leggera e bicilindrica. La sua special sarebbe dovuta essere sufficientemente facile per utilizzarla tutti i giorni nel traffico della città più popolosa d’Australia, ma anche in grado di spostarsi agilmente fuori città su tragitti un po’ più lunghi. Ultima richiesta: la moto doveva essere verniciata arancione, nera e bianca.

Alla Deus hanno pensato di scegliere una Kawasaki W650, incompresa bicilindrica di qualche anno addietro, spinta da un piacevole motore con distribuzione a coppie coniche.
La moto è stata spogliata di tutto il superfluo, le ruote sono state riverniciate e hanno ora mozzi neri opachi e montano grassi pneumatici rigati della Firestone. Il parafango anteriore nero opaco è attillatissimo e corre a filo del pneumatico mentre quello posteriore è stato verniciato in arancione. Il panciuto serbatoio originale è stato sostituito con quello più snello prelevato da una Yamaha SR500, con tanto di rubinetto manuale per il carburante. Nella sua parte anteriore è stato incastonato il tachimetro originale della Kawasaki, mentre il contagiri è stato inserito all’interno del fanale, il quale ha un disegno spiccatamente vintage ed è stato verniciato in nero opaco.

L’intero airbox è stato eliminato e così ora il motore respira attraverso una coppia di filtri K&N troncoconici, mentre lo scarico è stato ricostruito con nuovi collettori separati e terminali… eliminati!
Per dare un ulteriore tocco vintage alla motocicletta, alla Deus hanno usato un’accortezza semplice ma arguta. Le moto degli anni settanta avevano per lo più le pinze freno montate davanti agli steli forcella anziché dietro come accade oggi, e così alla Deus hanno furbamente scambiato gli steli forcella tra loro. La sospensione anteriore è stata ritarata, mentre gli ammortizzatori posteriori hanno lasciato il posto a una coppia di Ikon, costruiti in Australia.
Insomma, da oggi Randy De Puniet avrà dalla sua un altro motivo di invidia da parte dei motociclisti, oltre alla splendida Lauren Vickers, la sua compagna nonché nota modella di Playboy.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Special e Elaborazioni , bicilindriche , motogp , 600 , special , curiosità , piloti , vintage


Top