Curiosità

pubblicato il 15 dicembre 2011

Safety Sphere: l'airbag a misura d'uomo

La proposta un po' bizzarra di Rejean Neron, inventore canadese

Safety Sphere: l'airbag a misura d'uomo

La ricerca sulla sicurezza passiva per i motociclisti negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, e lo dimostra il fatto che le principali aziende di abbigliamento tecnico protettivo per motociclisti, abbiano tutte in gamma i propri prodotti dotati di Airbag. Dainese ha il D-Air Street e Racing, Alpinestars il Tech Air Race e Spidi l’Airbag DPS.
Ma, a quanto pare, c’è qualcuno convinto che questi sistemi non siano sufficientemente efficaci e ha proposto una sua interpretazione del concetto di "airbag per motociclisti".

LA SAFETY SPHERE DI REJEAN NERON
Parliamo di Rejean Neron, inventore canadese che propone la sua Safety Sphere, una tuta per motociclisti dotata di un airbag a misura d’uomo che si gonfia come un pallone in caso di incidente inglobando al 100% il corpo del pilota.
Le caratteristiche tecniche dichiarate sono di una costruzione che consta di due strati di tessuto, quello esterno in materiale ad alta resistenza utilizzato normalmente per i paracadute e uno strato interno in un sottile materiale sintetico elastico.
L’attivazione del sistema sarebbe tramite una cordicella legata alla moto che in caso di caduta attiverebbe delle cariche esplosive contenute nella cintura della tuta in grado, a detta dell’inventore, di gonfiare la sfera in cinque centesimi di secondo con un propellente definito "nitrocellulosa".
Detto ciò, come vedete dal video che immagina il funzionamento del sistema, in caso di incidente il pilota si troverebbe avvolto in una sfera protettiva e potrebbe rotolare via dalla scena del botto in tutta sicurezza.

FUNZIONA? SECONDO NOI E’ UNA "BALLA"…
Beh, al di là della tragicomica ilarità di pensare di vedere un povero motociclista che rotola via all’interno di un pallone arancione, finendo magari per rimbalzare come la pallina di un agghiacciante flipper gigante, la proposta di Neron ci sembra un pochino balzana e decisamente lontana dalla possibilità di arrivare in produzione.
Il motivo è banalissimo: le dimensioni della sfera, considerato che un motociclista di altezza media, con casco e scarpe misura più o meno 1,80 metri, farebbero sì che il suo volume sia di ben 3,05 metri cubi. Ora… 3 metri cubi d’aria equivalgono a 3.000 litri, e gonfiare un pallone ad una pressione sufficiente a proteggere il corpo del pilota richiederebbe una bombola di propellente gassoso decisamente grossa e, a nostro avviso, assolutamente impossibile da nascondere in una cintura, come immaginato dal visionario Canadese.
Insomma… siamo sufficientemente certi che la strada tracciata dalle più note marche di abbigliamento protettivo, casualmente italiane, sia ancora quella corretta da seguire. E voi che ne pensate?

Safety Sphere - Ultimate motorcycle airbag

Safety Sphere - Ultimate motorcycle airbag suit

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Curiosità


Top