Attualità e Mercato

pubblicato il 21 novembre 2011

Il cassonetto danneggia la moto? Hai diritto al rimborso

L'azienda dei rifiuti deve risarcire il proprietario del veicolo

Il cassonetto danneggia la moto? Hai diritto al rimborso

Sarà pure una sentenza di un Giudice di Pace (quello di Palermo, depositata il 7 settembre 2011) e non della Cassazione, ma la decisione è molto importante, specie in questi giorni in cui il maltempo devasta l’Italia e danneggia moto e auto; se un cassonetto dell’immondizia, spostato dal vento, provoca danni a un veicolo, l’azienda dei rifiuti deve risarcire il proprietario del veicolo.

Scatta infatti la responsabilità da custodia per il gestore del servizio che non vigila sul sistema frenante del cassonetto, in base all’articolo 2051 del Codice civile: "Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito". Appunto, in questa situazione, non c’è stato il caso fortuito, nessuna causa di forza maggiore. Bastava un freno adeguato, il giusto ancoraggio. A nulla conta che ad azionare le ruote del contenitore dei rifiuti sia stato il vento: non s’è trattato di un accadimento imprevedibile.

Fra l’altro, almeno nel caso di Palermo, è la società che ha in appalto la raccolta dei rifiuti a pagare il proprietario del veicolo, e non il Comune: così prevede il contratto che lega amministrazione e ditta.

Certo, è improbabile che tutti i proprietari dei veicoli danneggiati dalle alluvioni degli scorsi giorni (un po’ in tutta Italia) possano essere risarciti dai Comuni. È altrettanto vero che parlare di evento imprevedibile fa un po’ sorridere: sono settimane che la Protezione civile mette sul chi va là le amministrazioni locali per le "bombe d’acqua", il fango, il vento…

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , curiosità , incidenti


Top