Eventi

pubblicato il 17 novembre 2011

Suzuki al 42° Tokyo Motor Show

Q-Concept, E-Let's e Burgman Fuel Cell i protagonisti del Salone

Suzuki al 42° Tokyo Motor Show
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Suzuki al Tokio Motor Show 2011 - anteprima 1
  • Suzuki al Tokio Motor Show 2011 - anteprima 2
  • Suzuki al Tokio Motor Show 2011 - anteprima 3
  • Suzuki al Tokio Motor Show 2011 - anteprima 4
  • Suzuki al Tokio Motor Show 2011 - anteprima 5
  • Suzuki al Tokio Motor Show 2011 - anteprima 6

E’ appena finito l’EICMA 2011 e già si parla dei prossimi saloni invernali. Come già anticipato nei giorni scorsi, le grandi case giapponesi parteciperanno in forze al "salone di casa", e hanno iniziato a mostrare qualche anticipazione. In questa edizione, Suzuki proporrà motocicli e automobili pensati per rispondere attivamente alle esigenze del mercato; prototipi progettati ponendo la massima attenzione ai nuovi scenari del panorama automotive, in grado di offrire ai clienti nuovi valori e un piacere di guida genuino, tipico dei mezzi Suzuki.
A Tokyo la Suzuki presenta un nuovo concept che, oltre basarsi su dimensioni compatte, viste le enormi potenzialità di sviluppo rappresentate da questo comparto nel prossimo futuro, si concentra su alcuni aspetti ritenuti fondamentali dal mercato quali le nuove tecnologie eco-compatibili, le basse emissioni di CO2 unite a costi di esercizio contenuti, la facilità di utilizzo, prestazioni brillanti e uno stile attraente.
Il primo è il Q-Concept, una sorta di micro vettura disponibile in varie configurazioni. Ci sarà poi lo scooter e-Let’s, e il già visto Burgman Fuel Cell che dovrebbe essere pronto per l’omologazione.

Q-CONCEPT
Il Q-Concept è una veicolo a due-posti per la mobilità urbana di tutti i giorni e rappresenta una tipologia di veicolo che si pone a metà strada tra le moto e le auto. La vetturetta è lunga solo 2.5 metri e ha due posti con configurazione variabile dei sedili. Suzuki la identifica come veicolo ideale per gli spostamenti quotidiani in un raggio di 10 km. Varie le configurazioni degli interni: la versione "tandem" (presente a Tokyo) prevede due sedili in fila indiana per accogliere due passeggeri adulti; la configurazione "a freccia", invece, dispone di un sedile anteriore per il "genitore" e due sedili per bambini nella parte posteriore. E’ previsto poi il modello "business" è configurato come un veicolo per il trasporto merci con un unico sedile anteriore e spazio per il carico nella parte posteriore.
Le dimensioni del Q-Concept realizzano un’impronta a terra del veicolo poco più grande di quella di una moto e inferiore a quella di un’auto compatta, senza nulla togliere alla garanzia di mobilità confortevole, sicura e pratica di una vettura. In uno scenario futuro dove lo spazio sarà una risorsa scarsa, Q-Concept rappresenta il capostipite Suzuki di un interessante filone progettuale.

E- LET’S
Il Suzuki e-Let’s è uno scooter elettrico che coniuga emissioni zero alla praticità richiesta negli spostamenti quotidiani. Lo scooter è dotato di un motore elettrico montato sulla ruota posteriore e in grado di generare e recuperare energia durante la frenata; inoltre è equipaggiato con una batteria al litio e un sistema di carica, il tutto montato su un telaio leggero e compatto, con un peso complessivo inferiore a quello di uno scooter alimentato a benzina. Suzuki promette per l’e-Let’s accelerazione, guida scattante, rumorosità e vibrazioni estremamente ridotte e nessun impatto ambientale. La batteria si ricarica tramite una normale presa di corrente; una carica consente un’autonomia di circa 30 km (assumendo una velocità di 30 km/h su strade pianeggianti).
I test di sviluppo su strada di questo scooter sono partiti a settembre 2010 e i risultati di queste prove serviranno per verificare l’affidabilità dello scooter al fine di poter avviarne al più presto la produzione.

BURGMAN FUEL-CELL
Il Burgman fuel-cell ha debuttato durante l’ edizione 2009 del Tokyo Motor Show e da allora è stato sottoposto a numerose prove su strada nel Regno Unito e in Giappone ed è diventato il primo veicolo a celle combustibili a ottenere l’omologazione europea (Whole Vehicle Type Approval).
Oltre a questi prototipi, allo stand Suzuki al Tokyo Motor Show sarà esposta la nuova GW250, la punta di diamante delle moto stradali Suzuki sul mercato cinese. Il suo debutto è avvenuto durante il China International Motorcycle Trade Exhibition 2011 di Chongoing. La Suzuki GW250 è prodotta in Cina, ha una cilindrata di 250 cc e è stata sviluppata principalmente per soddisfare le esigenze del mercato cinese. Questo modello rappresenta una soluzione valida per risolvere i grossi problemi di mobilità delle città cinesi. Ora grazie a un’economia favorevole, la Cina rappresenta un mercato per i motocicli in forte crescita, dove un numero sempre più alto di persone interessate e entusiaste dei veicoli a due ruote, si affaccia al segmento delle stradali cercando un mezzo versatile e comodo per gli spostamenti quotidiani.
Non mancheranno, ovviamente, le moto più recenti presentate dal marchio di Hamamatsu: la GSX-R 1000 2012 e la V-Strom 650, insieme alla Bandit 1250F ABS e alla Gladius 400ABS per il mercato locale.

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Eventi , saloni , anticipazioni , tecnica , tecnologia , concept , emissioni zero , moto elettriche , eicma 2011


Top