Novità

pubblicato il 9 novembre 2011

Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012

Propulsore "small block" anche per la custom dell'Aquila

Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012 - anteprima 1
  • Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012 - anteprima 2
  • Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012 - anteprima 3
  • Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012 - anteprima 4
  • Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012 - anteprima 5
  • Moto Guzzi Nevada Classic ed Anniversario 2012 - anteprima 6

La Nevada è il modello entry-level di Moto Guzzi da oltre vent'anni. Una custom equilibrata, facilissima da guidare e soprattutto con una personalità come solo il marchio di Mandello può offrire. Nel 2010 si è poi aggiunta la versione Anniversario, e qui a EICMA 2011, Moto Guzzi la presenta con il motore "small block" che possiamo ritrovare sulla nuova Gamma V7 2012.

Questo propulsore è ad alimentazione singola, e come per le V7 consente di avere una coppia motrice superiore al 10% rispetto alla vecchia unità. Questo motore ha i gruppi termici tondeggianti come i motori Moto Guzzi degli anni settanta ed una alettatura più estesa dei cilindri che si raccorda con il coperchio valvole cromato. Su questo ritorna la scritta Moto Guzzi. Grazie alla parte termica ed alla nuova cassa filtro (ora è posizionata posteriormente al corpo farfallato e non in mezzo alla V formata dai cilindri) il sound è ancora più caratteristico. Telaio, sospensioni, freni... rimane tutto uguale.

Il motore è stato rivisto nel 70% dei particolari, cioè oltre 200 degli organi meccanici sono nuovi o sono stati riprogettati. Oltre all'alettatura ed il coperchio valvole, vanno a sparire i due collettori di aspirazione ed i relativi corpi farfallati. I collettori sono stati sostituiti da un singolo elemento a Y realizzato in gomma, nervato e dall'andamento rettilineo (diametro 36 e 39 mm rispettivamente dai gruppi porta iniettori e dal corpo farfallato) che si collega a un singolo corpo farfallato Magneti Marelli MIU3G da 38 mm di diametro. Quest'ultima gestisce due sonde lambda, garantendo così una miscela ai cilindri più uniforme.

La testata è stata riprogettata, lavorando sui condotti di aspirazione, ora di diametro maggiorato e raccordati meglio per ridurre le perdite ed incrementare la turbolenza e riposizionando il foro candela più centralmente, grazie all’adozione di una candela più moderna con filettatura da 10mm ed elettrodo prominente. I tecnici Moto Guzzi hanno poi incrementato l’area di squish e il rapporto di compressione (si è passato da 9,2:1 a 10,2:1) grazie a dei nuovi pistoni. Le sacche ricavate sul cielo del pistone e la parte inferiore sono state ridisegnate, in modo da irrobustire la struttura senza però incrementare il peso. I segmenti ora hanno dimensioni, materiale e forme più moderne, particolari che permettono di consumare meno olio ed aumentare le prestazioni.
E' stato rinnovato anche il cambio. Si è mantenuto il cinque marce ma vi è un nuovo preselettore (il comando è così più preciso, morbido e silenzioso).

Moto Guzzi ad EICMA 2011

Moto Guzzi ad EICMA 2011

Autore: Fabio Caliendo

Tag: Novità , bicilindriche , cruiser , saloni , custom , eicma 2011


Top