Novità

pubblicato il 8 novembre 2011

Honda NC700X 2012

Una nuova piccola Crossover in casa Honda

Honda NC700X 2012
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda C700X a EICMA 2011 - anteprima 1
  • Honda C700X a EICMA 2011 - anteprima 2
  • Honda C700X a EICMA 2011 - anteprima 3
  • Honda C700X a EICMA 2011 - anteprima 4
  • Honda C700X a EICMA 2011 - anteprima 5
  • Honda C700X a EICMA 2011 - anteprima 6

Il terzo veicolo progettato sulla nuova piattaforma ciclistica di Honda è la NC700X: una "Crossover" di media cilindrata che va ad ampliare la famiglia di questi modelli, inaugurata lo scorso anno con la Crossrunner.
La NC700X offre sospensioni a lunga escursione, l'agilità e la posizione di guida rialzata di una moto off-road ma con la maneggevolezza, la stabilità e le prestazioni di una moto stradale. Promette grande divertimento ed è pensata per offrire a piloti di qualsiasi esperienza una guida appagante e quella praticità e facilità d'uso necessarie per i propri tragitti quotidiani.
La base tecnica è la medesima della NC700S, rispetto alla quale troviamo un’estetica che richiama il mondo dell’offroad e sospensioni ad escursione maggiorata. Su questo veicolo il manubrio è più alto, la carenatura è più ampia sui fianchi ed è presente un cupolino per proteggere i passeggeri dal vento della corsa. Quattro i colori disponibili per la NC700X 2012: Darkness Black Metallic, Digital Silver Metallic, Pearl Sunbeam White e Magna Red.

MOTORE: IL NUOVO BICILINDRICO
Il motore della NC700X è il nuovo bicilindrico in linea con distribuzione monoalbero in testa da 670 cc raffreddato a liquido. Si tratta di un motore a corsa lunga, con misure di 73,0 x 80,0 mm, che sono indicative di un propulsore dalla coppia elevata, ma non certo corsaiolo. La fasatura del manovellismo è a 270° e la potenza massima erogata è di 35 kW (47,6 CV) a 6.250 giri/min, con un picco di coppia pari a 60 Nm a 4.750 giri/min. Questi valori sono validi solo per la versione con cambio tradizionale, mentre quella munita del DCT ha una potenza di 51,8 CV e coppia massima di 62 Nm.
L’alimentazione è a singolo corpo farfallato e la testata ha la particolarità di avere i condotti di scarico che confluiscono in una sola uscita, in modo da semplificare al massimo la costruzione. La pompa dell’acqua prende il moto dall'albero a camme, mentre il contralbero antivibrazioni aziona anche la pompa dell'olio del circuito di lubrificazione.
Particolare attenzione è stata rivolta ai consumi e alle emissioni inquinanti: la moto è in grado, stando a quanto dichiarato da Honda, di percorrere 27,9 km/l, e di emettere gas particolarmente puliti, grazie al catalizzatore ad alta efficienza ubicato molto vicino al motore, in modo che raggiunga la temperatura operativa con maggiore rapidità dopo gli avviamenti a freddo.

La NC700X è disponibile sia con il convenzionale cambio manuale a sei rapporti, che con la seconda generazione del cambio sequenziale a doppia frizione Honda. La versione equipaggiata con questo sistema utilizza due frizioni coassiali a controllo elettronico che innestano con grande fluidità le marce in base a tre diverse modalità a scelta del pilota. La modalità Manuale (MT) consente al pilota di cambiare marcia per mezzo delle apposite palette al manubrio, mentre la modalità Automatica (AT) permette di scegliere fra due diversi impostazioni: Sport (S) per la guida brillante e Drive (D) per l’uso quotidiano.
Un altro particolare degno di nota è che Honda ha progettato questo nuovo motore per tenere bassi i costi di gestione: gli intervalli dei tagliandi sono fissati ogni 12.000 km, mentre le candele all'iridio richiedono la sostituzione solo ogni 48.000 km.


CICLISTICA CROSSOVER
La Honda NC700X è equipaggiata con lo stesso telaio a diamante in acciaio, rigido e compatto, della NC700S, ed anche la medesima base sospensiva. Per rendere la moto più adatta alla guida su terreni di diverso genere, però, è stata allungata la corsa della forcella da 120 mm a 153,5 mm, ed anche l’escursione della sospensione posteriore è passata da 120 a 150 mm.
Oltre a ciò, troviamo molle e idraulica adattati alle caratteristiche del veicolo senza dimenticare di offrire la giusta stabilità alle alte velocità.
Anche su questa ciclistica "rialzata" Honda ha deciso di mantenere su entrambi gli assi pneumatici da 17 pollici con l’anteriore da 120/70 e il posteriore da 160/60 mm. L’attenzione alla sicurezza non è stata dimenticata, e anche la NC700X offre di serie l’impianto freni combinato C-ABS.
Alla stessa stregua della sorella naked, la NC700S anche in questo caso è previsto un vano portacasco laddove tradizionalmente c’è il serbatoio, al quale si accede, invece, ribaltando la sella del passeggero. La capacità è di 14,1 litri che, uniti ai ridotti consumi promessi da Honda, dovrebbe portare l’autonomia fino a circa 400 km.

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda NC700X 2012 - anteprima 1
  • Honda NC700X 2012 - anteprima 2
  • Honda NC700X 2012 - anteprima 3
  • Honda NC700X 2012 - anteprima 4
  • Honda NC700X 2012 - anteprima 5
  • Honda NC700X 2012 - anteprima 6

Honda NC700S/NC700X - EICMA2011

Honda NC700S/NC700X

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , bicilindriche , 600 , anticipazioni , turismo , fuoristrada , viaggi , eicma 2011


Top