Sport

pubblicato il 23 ottobre 2011

MotoGP Sepang: Marco Simoncelli è morto

Inutili i tentativi di rianimazione presso il centro medico di Sepang

MotoGP Sepang: Marco Simoncelli è morto

Questo è una di quelle notizie che un giornalista non vorrebbe mai dare, ma non è purtroppo possibile prescindere dall'andamento dei fatti e quindi con una incredibile tristezza nel cuore dobbiamo riportare la notizia che gli appassionati stanno apprendendo ora dai Media. Marco Simoncelli, è morto oggi a Sepang, per le conseguenze di un terribile incidente durante il secondo giro del Gran Premio della Malesia.

La cronaca della gara l'abbiamo vista tutti, Marco Simoncelli ha fatto come sempre una buona partenza e si è trovato subito in bagarre con Alvaro Bautista, anch'egli in gran forma.
Dopo una serie di sorpassi e controsorpassi Alvaro Bautista sembrava aver la meglio su Marco, e anche Nicky Hayden mostrava intenzione di attaccare.
A metà del secondo giro l'incidente: Simoncelli scivolava in una curva a destra, chiaramente ripreso dalla telecamera onboard di Bautista, ma in un disperato tentativo di riprendere il controllo della situazione rimaneva aggrappato alla moto che stava rialzandosi. Questo ha fatto sì che la traiettoria di moto e pilota andasse inesorabilmente verso l'interno della pista, dove sopraggiungevano in bagarre Colin Edwards e Valentino Rossi. Inevitabile l'urto, entrambe le moto hanno colpito Simoncelli, che ha perso il casco restando esamine a terra.

Gara prima interrotta e ritardata, poi cancellata a seguito delle notizie che "non" arrivavano dal Centro Medico. Notizie che sono arrivate, inesorabili, a squarciare gli animi nel paddock della MotoGP e di tutti gli appassionati.

PILOTI, AMICI, NEMICI, E LA BEFFA DEL FATO
Chiunque abbia seguito la diretta televisiva ha sicuramente visto il dolore sul viso di Valentino Rossi, ancor prima che fosse diramata la notizia. Quel dolore significava una sola cosa: la consapevolezza di sapere che qualcosa di terribile era avvenuto e che, per uno scherzo beffardo del destino, stava coinvolgendo proprio in prima persona il nove volte Campione del Mondo.
Insomma: tre piloti, tre amici. Come tutti sanno Marco Simoncelli e Valentino Rossi sono sempre stati legati da una profonda amicizia e anche i suoi rapporti con Colin Edwards erano di grande amicizia.

Nel dare questa triste notizia non vogliamo additare nessuno. In TV qualcuno ha dato la colpa alle gomme, qualcuno l'ha data all'elettronica, ma la realtà dei fatti è che una tragica fatalità ha ucciso Simoncelli, non una gomma fredda, non un traction control.

Preghiamo anche i nostri lettori di non andare a cercare un colpevole, e di commentare con giudizio questa triste notizia unendosi con noi di OmniMoto.it al dolore della famiglia Simoncelli, della fidanzata Kate, del Team e di tutti i suoi tanti amici.


Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Sport , 1000 , motogp , pista , gare , autodromi , piloti , personaggi famosi , incidenti , simoncelli


Top