Sport

pubblicato il 22 ottobre 2011

MotoGp, Sepang: Pedrosa ritorna in pole position

Domino HRC con Stoner secondo e Dovizioso terzo

MotoGp, Sepang: Pedrosa ritorna in pole position

Dopo aver dominato tutte le sessioni di prove libere del Gp della Malesia, Dani Pedrosa ha completato l'opera portando a casa anche la pole position a Sepang. Neppure una scivolata, avvenuta nei primi minuti del turno, ha impedito allo spagnolo di andare a riprendersi una partenza al palo che gli mancava dalla gara di metà agosto a Brno.

"Camomillo" ha sfoderato un tempo di 2'01"462, nonostante nel suo miglior giro sia stato anche disturbato da un pilota più lento. Nel finale però si è dovuto difendere con le unghie dal tentativo di risalita del compagno di squadra Casey Stoner, secondo ad appena 29 millesimi di ritardo dopo essere rimasto un po' in relax nella prima metà della sessione.

In terza posizione, Andrea Dovizioso completa una prima fila tutta Honda HRC, chiudendo con un paio di decimi. L'italiano addirittura era in vantaggio su Pedrosa fino all'ultimo intermedio, ma poi non è riuscito a piazzare la zampata vincente. Tuttavia, "Dovipower" si può senza dubbio consolare per l'ottimo passo mostrato con la gomma dura.

In quarta posizione questa volta non troviamo Marco Simoncelli, solo quinto e anche alle prese con qualche problemino di consumo di troppo. Davanti a lui, a sorpresa, si è inserito un Colin Edwards voglioso di salutare la Yamaha Tech 3 con una bella prestazione da ricordare. Segnali positivi anche da Nicky Hayden, autore del sesto tempo con la Ducati GP11.1 "standard", anche se con sette decimi di distacco dalla pole.

Valentino Rossi invece si è dovuto accontentare del nono tempo con la sua Desmosedici dotata di semitelaio in alluminio. Il pesarese si è anche reso protagonista di una caduta senza conseguenze ad una quindicina di minuti dal termine. Poi è tornato in pista e proprio sotto alla bandiera a scacchi è riuscito ad ottenere il suo miglior crono: Pedrosa però è ancora lontano quasi 1".

Giornata decisamente no per la squadra ufficiale Yamaha: Ben Spies è finito nuovamente con le ruote all'aria nei secondi finali della sessione e, complici ancora gli acciacchi della caduta di Phillip Island, prenderà il via dal fondo della griglia insieme al collaudatore Katsuyuki Nakasuga.

MotoGp - Sepang - Qualifiche

Autore: Matteo Nugnes

Tag: Sport


Top