Attualità e Mercato

pubblicato il 2 maggio 2006

La Moto più Bella del Mondo!

Ducati premiata per la 999R Xerox e la Hypermotard.

La Moto più Bella del Mondo!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • La Moto più Bella del Mondo! - anteprima 1
  • La Moto più Bella del Mondo! - anteprima 2

Venerdì scorso si è riunita nello storico Cortile della Seta di Milano, messo a disposizione dalla Banca Popolare Commercio e Industria, la Giuria internazionale del Premio “La Moto più Bella del Mondo” formata dagli artisti Heinz Mack, Vittorio Matino e Kenneth Noland, dal campione di motociclismo
Giacomo Agostini, dal professore di design Enrico Fagone, dal transportation designer Michael Conrad, dal creatore di moda Carlo Rivetti, dal giornalista Alessandro Giudice e presieduta da Bruno Alfieri. Sono stati esaminati e valutati 26 modelli di moto e scooter che possono essere considerati la massima espressione qualitativa sul piano estetico, presentati da 15 Case motociclistiche europee, giapponesi e americane.

Le vincitrici
Dopo un’approfondita disamina la Giuria ha proclamato vincitrici: per la categoria Moto da strada carenate la MV Agusta F41000 Senna; per le Moto da strada nude la Kawasaki ER-6n; per le Fuoristrada la Husqvarna TE510 Centennial; la Aprilia Scarabeo 500 per gli Scooter; la Ducati 999R Xerox per le Serie speciali; infine per i Prototipi la Ducati Hypermotard. La Giuria internazionale ha poi deciso di assegnare due Premi speciali, rispettivamente alla MV Agusta Brutale R e alla Harley-Davidson VRXSE Screamin’ Eagle V-Rod Destroyer. La cerimonia di premiazione avrà luogo nel
prossimo mese di maggio.

Il concorso
Questo Premio segna un ulteriore allargamento dell’attività promozionale di Automobilia, iniziata nel 1993 con il premio alle automobili, intesa a rilanciare e valorizzare la componente artistica in tutti i prodotti del “design in movimento”, nel pieno rispetto dei ruoli di Forma e Funzione, come aveva ben indicato Ettore Bugatti un secolo fa e come hanno gloriosamente realizzato i più grandi carrozzieri di auto, camion e treni e i migliori designer di moto. E dunque non un appiattimento della creazione artistica nel ruolo marginale di stile alla moda e di marketing design, ma conferma ed esaltazione della missione socio-culturale dei prodotti industriali per una società più vicina agli ideali aristotelici del Bello.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , varie


Top