Novità

pubblicato il 18 ottobre 2011

Yamaha Xenter 125 e 150 2012

Il Costruttore nipponico lancia un nuovo ruota alta per sfidare l'SH

Yamaha Xenter 125 e 150 2012
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha a EICMA 2011 - anteprima 1
  • Yamaha a EICMA 2011 - anteprima 2
  • Yamaha a EICMA 2011 - anteprima 3
  • Yamaha a EICMA 2011 - anteprima 4
  • Yamaha a EICMA 2011 - anteprima 5
  • Yamaha a EICMA 2011 - anteprima 6

Grande fermento a Gerno di Lesmo per il lancio imminente sul mercato del nuovo Yamaha Xenter 125 e 150, scooter a ruote alte che si prefigge un obiettivo chiarissimo, sfidare ad armi pari il leader incontrastato della categoria da molti anni, l’Honda SH. E’ oltremodo evidente, infatti, che nel caotico traffico delle nostre città, in cui le condizioni dell’asfalto e dei lastricati sono sempre più critiche, gli scooter più apprezzati siano quelli a ruota alta, per via del comfort e della sicurezza di marcia che offrono.

Ecco quindi che, a EICMA 2011, vedremo inserirsi nel settore degli scooter a ruota alta il nuovo Xenter 125 e 150. Gli appassionati potranno obiettare che il costruttore giapponese già aveva in listino l’ottimo X-City, il quale però aveva delle caratteristiche ben diverse da questo, e soprattutto era molto differente dal già citato SH.
Lo Xenter, invece, mostra fin da subito una delle caratteristiche che da sempre è stata cavallo di battaglia del rivale Honda, la pedana piatta.
Per la maggior parte degli scooteristi cittadini, infatti, questa è una peculiarità imprescindibile di un veicolo da usare tutti i giorni, sia perché permette di tenere le gambe ben all’interno della sagoma del veicolo, sia perché migliora la capacità di carico permettendo di appoggiarci agevolmente il sacchetto della spesa o la borsa della palestra (a scapito della rigidezza del telaio ovviamente).

XENTER: SUBITO 150, A GENNAIO IL 125
Il nuovo Xenter si posiziona nella fascia degli entry level del mercato e lo fa dichiarando fin da subito un prezzo di lancio particolarmente aggressivo: 2.990 euro f.c. per la versione 150 che sarà in commercio già a novembre sono circa 400 euro in meno rispetto all’Honda SH 150i e circa 170 euro in meno del Suzuki Sixteen 150. Per lo Xenter 125 bisognerà invece aspettare gennaio 2012, ed il suo prezzo sarà dichiarato nelle prossime settimane. La versione 150 sarà disponibile nei colori: Avalanche White, Midnight Black e London Grey. Il 125, invece sarà commercializzato in Sky Blue, Avalanche White e Midnight Black.

In attesa di provare questo nuovo scooter, scendiamo un pochino più nel dettaglio. Il motore è un nuovo monocilindrico da 155 cc di cubatura (per andare in tangenziale) con distribuzione a quattro valvole per cilindro, dotato di pistone forgiato, riporto ceramico sul cilindro e contralbero di equilibratura. L’alimentazione è ovviamente affidata ad un compatto sistema di iniezione elettronica e la trasmissione è un classico variatore automatico a cinghia dentata.

Il telaio è un doppio trave tubolare e per la sospensione posteriore è stata pensata una soluzione inedita tra gli scooter. L’ammortizzatore è singolo ed è posizionato molto inclinato al di sopra del carter motore in modo da essere il più possibile vicino alla mezzeria del veicolo, in una configurazione del tutto simile al ben noto Cantilever sulle moto. La molla impiegata è, come di norma, a passo variabile.
Entrambe le ruote sono da 16 pollici e adottano cerchi in lega a cinque razze doppie di disegno molto leggero ed elegante. L’impianto frenante è misto, con un disco anteriore da 267 mm e un tamburo posteriore da 150 mm, controllati da un sistema combinato definito UBS. Agendo sulla leva destra si attiva esclusivamente il disco anteriore, mentre tirando la leva sinistra lo scooter ripartisce adeguatamente la frenata tra avantreno e retrotreno.
Particolare attenzione è stata rivolta all’utilizzo del veicolo, disegnando un cavalletto centrale facile da azionare anche per l’utenza femminile. La praticità d’uso è stata curata realizzando un piccolo vano sul manubrio dove riporre oggetti minuti e un sottosella, anch’esso un po’ piccino, dove può trovare posto una tuta antipioggia o un antifurto.
La strumentazione è realizzata con un compatto display LCD ed aggiunge alle informazioni standard la temperatura atmosferica, l’orologio e i pratici avvisi per la manutenzione.

La dotazione di serie dello Xenter prevede il parabrezza con paramani integrato, mentre per incrementare la capacità di carico è previsto un portapacchi su cui è possibile montare il bauletto Yamaha in tinta con il colore dello scooter da 39 litri, offerto anch’esso di serie.
Tra gli optional disponibili la Yamaha propone la borsa interna per il baule e il cuscino poggia schiena ergonomico, cosi come il telo copri gambe dedicato.

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha Xenter 150 my 2012 - anteprima 1
  • Yamaha Xenter 150 my 2012 - anteprima 2
  • Yamaha Xenter 150 my 2012 - anteprima 3
  • Yamaha Xenter 150 my 2012 - anteprima 4
  • Yamaha Xenter 150 my 2012 - anteprima 5
  • Yamaha Xenter 150 my 2012 - anteprima 6
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha Xenter 125 my 2012 - anteprima 1
  • Yamaha Xenter 125 my 2012 - anteprima 2
  • Yamaha Xenter 125 my 2012 - anteprima 3
  • Yamaha Xenter 125 my 2012 - anteprima 4
  • Yamaha Xenter 125 my 2012 - anteprima 5
  • Yamaha Xenter 125 my 2012 - anteprima 6

Yamaha Xenter - il bello di arrivare prima

Yamaha Xenter - il bello di arrivare prima

Autore: Lorenzo Gargiulo

Tag: Novità , scooter , anticipazioni , automatiche , eicma 2011


Top