Sport

pubblicato il 10 ottobre 2011

Kevin Schwantz torna a vincere!

L'ex iridato ha corso a Barber per il Campionato Americano AHRMA

Kevin Schwantz torna a vincere!
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kevin Schwantz a Barber - anteprima 1
  • Kevin Schwantz a Barber - anteprima 2
  • Kevin Schwantz a Barber - anteprima 3
  • Kevin Schwantz a Barber - anteprima 4
  • Kevin Schwantz a Barber - anteprima 5
  • Kevin Schwantz a Barber - anteprima 6

Nel 1993 vinse il Mondiale nella classe 500, ed ora, dopo 15 anni, è tornato a vincere! Stiamo parlando di un vero e proprio mito del mondo della motocicletta, Kevin Schwantz, che a Barber, in occasione del Campionato Americano AHRMA, ha messo il suo personale sigillo nello scorso week end, chiudendo la settimana con un successo il sabato, e una seconda vittoria nella gara corsa nella notte di domenica (quest'ultima però cancellata da una squalifica).

Quella del Barber Motorspeed Festival, altro non è che una serie di gare ad invito per i piloti che hanno vinto in passato, competizione alla quale ha partecipato anche Dario Marchetti, unico italiano convocato. Schwantz naturalmente ha gareggiato in una categoria per moto storiche, la SOS, in sella a una Norton Manx 500, ed ha vinto a modo suo, con un sorpasso all’ultimo giro ai danni di Pat Mooney, dopo una furibonda bagarre con altri tre piloti. E’ arrivato primo anche domenica, ma al via era scattato in anticipo e per questo è stato tolto dalla classifica.

Marchetti invece ha gareggiato tra le moto moderne, nelle categorie Battle of Twins e Sound of Thunder, con la Ducati 848 del team Ducshop, la squadra di Atlanta (Georgia) che lo schiera nelle gare statunitensi. Fino ad ora però ha pagato il particolare regolamento di queste gare in cui la posizione sulla griglia di partenza è assegnata dagli organizzatori in base al piazzamento in campionato negli anni precedenti: è stato relegato dunque in quarta fila.

Nelle tre gare finora disputate ha ottenuto altrettanti settimi posti. "Ho fatto quattro gare in fotocopia e non sono soddisfatto – ha commentato il pilota bolognese – ma il livello generale è molto elevato e su una pista tortuosa come questa partire davanti è fondamentale, perché i sorpassi portano via molto tempo. E io ero in quarta fila… Peccato, nel misto la mia moto andava benissimo ma c’era sempre qualcuno a farmi da tappo". L’avventura però non finisce qui: la settimana prossima Marchetti sarà a Daytona per le due gare della Race of Champions e lì la Freightliner gli metterà a disposizione una Ducati 1198, più adatta al veloce tracciato della Florida.

A Daytona il pilota bolognese non ritroverà Schwantz: per Kevin finisce qui, si è trattato solo di un gioco, propiziato dal fatto che l’autodromo di Barber ospita la sua scuola di guida e la moto gli è stata prestata da un amico. La manetta c’è ancora ma con le corse Kevin ha chiuso. Marchetti, invece, sempre in America, nel prossimo week end parteciperà alla Race of Champions a Daytona, nelle categorie BOT e SOT.

Autore: Redazione

Tag: Sport , bicilindriche , 1000 , pista , personaggi , gare , epoca , piloti , personaggi famosi


Top